Ecco perché la socialità consuma più gli introversi degli estroversi

Un giovane estroverso e un giovane introverso entrano in un bar. Sembra l’inizio di una barzelletta ma non lo è. È sabato sera e il locale è pieno di gente. C’è anche un gruppo che suona, dozzine di persone che parlano, urlano e applaudono. Si beve e c’è casino.

Tutto questo eccita l’estroverso. Vede opportunità di divertimento ovunque, estranei da conoscere, amici con cui parlare, ragazze con cui attaccare bottone. Raggiunge i suoi amici e ordina da bere.

L’introverso vede la situazione in modo diverso. Si ferma un momento, si guarda in giro, assorbe tutto quello che vede e lo tiene dentro. Poi cammina lentamente verso i suoi amici e aspetta di essere riconosciuto prima di parlare. Si sente leggermente sopraffatto da tutto quel rumore e quelle persone. Chiede a se stesso di rilassarsi: la serata potrebbe essere divertente.

E per un po’ si diverte anche. Beve una birra e chiacchiera con gli amici. Si butta anche in mezzo alla pista e balla accanto a una ragazza sperando di essere notato. Non succede mai. Dopo meno di un’ora, l’introverso è esausto. Come se avesse la febbre. La sua testa gira.

Ha bevuto solo una birra ma si sente ubriaco. Non mente, sta sperimentando la sbornia da introversione.

Guarda verso l’estroverso, che nel frattempo ha offerto da bere a una ragazza. Lo osserva, l’estroverso è su di giri, carico come se avesse il doppio delle energie che aveva quando è arrivato.

Perché l’introverso è sfinito mentre l’estroverso è sempre più in forma?

Non generalizziamo. Non tutti gli estroversi fanno festa tutti i weekend e non tutti gli introversi si esauriscono appena si trovano in una stanza con più di due persone. Tutti a volte ci comportiamo da introversi e altre da estroversi; secondo Carl Jung non esistono introversi o estroversi puri.

Inoltre, i contesti sociali sono faticosi per tutti, perché interagire con gli altri richiede energie. Devi parlare, ascoltare, coordinare il tuo umore con quello del tuo interlocutore e mille altre cose.

Tuttavia, delle differenze tra introversi ed estroversi ci sono, e riguardano il loro modo di reagire alle ricompense, ovvero le cose positive che possono accaderti nella vita. Ottenere il numero di una bella ragazza, essere promosso al lavoro, ma anche mangiare un piatto squisito.

La spiegazione biologica sembra essere legata alla dopamina. La dopamina è il neurotrasmettitore che media i circuiti della ricompensa, quando facciamo qualcosa di piacevole questi circuiti si attivano per dircelo. Negli estroversi la dopamina è più attiva. Questo significa che di fronte a qualcosa di bello gli estroversi si eccitano di più di quanto non facciano gli introversi.

Continua a leggere…

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Francesco Boz

Le cose vanno bene - rispondiamo sorridendo per rassicurare noi stessi

Latest posts by Francesco Boz (see all)

Commenti

commenti