14 promemoria che i ragazzi di 20 anni devono tenere a mente

A 20 anni è tutto molto intenso. Si ama da morire, ci si esalta per niente, si soffre terribilmente, ci si preoccupa per il futuro, si comincia a rimpiangere qualche scelta del passato, si comincia a guadagnare i primi soldi, si perdono alcuni amici e se ne trovano di nuovi. Tutto scorre velocissimo e può capitare di sentirsi smarriti in questo turbinio di eventi.

Heidi Priebe è una ragazza che ha da poco superato quell’età, un giorno si è seduta comoda a riflettere su di sé e sulla sua vita. Da questo viaggio interiore è nato un libro rivolto proprio alle ragazze e ai ragazzi di 20 anni che si sentono persi.

Il suo consiglio è tenere sempre a mente questi 20 promemoria per superare con successo le difficoltà peculiari di questa età.

20 anni

#1 Non resterai solo per tutta la vita.

Quando hai appena cambiato città e abbandonato gli amici d’infanzia, oppure la tua storia d’amore è finita, ti capiterà di imparare cos’è la solitudine. Quel senso di vuoto che ricopre le tue giornate scaturito da un flusso di sentimenti interrotto.

Non sarà così per sempre. La vita si evolve e tu con essa. Troverai nuovi legami e perderai altre persone. In poche parole imparerai che la vita non è immobile, è un viaggio dove incontrerai tantissime persone.

#2 Non serve aver già trovato la tua strada a 20 anni.

Invidi i tuoi coetanei con una strada ben definita, magari dettata dall’esigenza di continuare il mestiere del padre.

La comodità non è sempre sinonimo di felicità. Crescendo troverai la tua strada. La fatica o i fallimenti ti faranno crescere e diventare più forte. La sofferenza produce gli anticorpi per la mente.

#3 Tutti si sentono persi a un certo punto della loro vita.

Ogni felicità è macchiata da qualche evento negativo, la felicità perpetua non esiste.

È proprio il confronto tra quando stiamo bene e quando stiamo male che ci fa apprezzare i momenti belli. Però, per timidezza, pudore o orgoglio non vogliamo che le nostre debolezze traspaiano. Per questo la vita degli altri sembra sia sempre perfetta, perché nascondono i loro demoni. Ma credimi, soffrono come te.

#4 Hai ancora tante occasioni per fallire.

Si tende a essere troppo duri verso i fallimenti. I fallimenti fanno crescere, fanno migliorare, insegnano.

A 20 anni le occasioni di fallire saranno ancora tantissime e da ognuna, se saprai le affronterai con la giusta apertura mentale, potrai imparare. Forse ti sembrerà di tornare indietro ma non è così, nella vita si può andare solo avanti.

#5 Amerai e ti ameranno ancora.

L’amore adolescenziale è molto diverso da quello maturo. Ogni fase della vita ha un suo particolare modo di amare. Può darsi che li sperimenterai tutti con la stessa persona, camminando insieme a lei giorno dopo giorno.

Se non sarà così, se ti accorgerai di dover cambiare partner per crescere, vivrai l’amore come lo meriti con chi lo merita.

#6 Imparerai a dire di sì e di no.

Il mondo esterno ti farà mille richieste, sembrerà ruotare intorno a te.

Non sei obbligato a dire sempre sì. Il bello della vita è che puoi scegliere quando dire no. Ora forse ti sembra difficile o addirittura impensabile trovare la forze di agire in modo diverso da come gli altri si aspettano da te. Fidati, imparerai a concederti solo quando lo vorrai.

#7 Avrai sempre delle persone su cui contare.

Nella vita non siamo mai completamente soli. È vero, sembra che ognuno pensi per sé, e in parte è vero. Ma a partire dai tuoi genitori, i tuoi amici, le persone che conoscerai e con le quali costruirai dei legami, tutti, ciascuno a suo modo, potranno venirti in aiuto quando ne avrai bisogno.

Devi solo fidarti degli altri.

#8 Ti deluderai.

Ti capiterà di non essere d’accordo con te stesso. Di essere deluso da quello che hai fatto.

Pensare a qualcosa che non ci piace di come siamo è il primo passo verso il miglioramento.

#9 Non seguire i sogni di altri.

Ci sono degli stereotipi che influenzano le nostre vite. Per esempio, capita spesso che finite le superiori gli studenti più bravi siano indirizzati verso quelle facoltà ritenute più difficili, ma più redditizie come medicina, giurisprudenza o ingegneria.

Il mondo è imprevedibile, per questo non conta cosa fai, conta come lo fai. Puoi studiare nella facoltà più prestigiosa del mondo ma se non ci metti la passione non riuscirai mai a farti notare tra la folla di colleghi. Paga di più impegnarsi anima e corpo sul proprio sogno di quanto non faccia inseguire svogliatamente i sogni degli altri.

#10 Nessuno può leggerti nel pensiero, dovrai imparare a chiedere ciò che vuoi.

La mamma ha sempre anticipato i nostri bisogni, voleva che fossimo felici. Però nella vita non troveremo mai più nessuno come lei, e cercarlo sarebbe un errore.

Dobbiamo imparare a esplicitare le nostre necessità a chi più aiutarci. Altrimenti si rischia di cadere nella trappola di pretendere qualcosa da qualcuno senza che lui lo sappia. Se la richiesta rimane nella nostra mente, è probabile che non verrà esaudita.

#11 Non vergognarti.

Vergognarsi di ciò che si è o di ciò che si fa è una scelta. Puoi scegliere di raccontare la tua vita con imbarazza oppure puoi scegliere di essere orgoglioso di te.

#12 Il tuo corpo invecchia.

A 20 anni cominci a capire che non sei immortale. Il tuo corpo invecchia piano piano ma quello che senti adesso è solo l’inizio.

Invecchiare non deve farti paura ma deve essere un incentivo a prenderti cura del tuo corpo. Comincia a trattarlo bene fin da ora, perché presto le cose che fanno male, cominceranno a fare male veramente.

#13 I confronti sono completamente inutili se non servono a migliorare.

Noterai in continuazione cosa fanno gli altri e vorrai ottenere quello che hanno loro. Altre volte ti sentirai triste e proverai sollievo nel vedere che non sei l’unico in quella situazione.

Solo il primo tra i due atteggiamenti è utile. Il confronto con gli è utile solo quando serve a darti nuovi obiettivi, ti sprona a fare meglio e ti convince ad agire.

#14 Tutti sono spaventati.

La vita fa paura, sempre.

Ci sono sensazioni spiacevoli che non ti lasceranno mai. Imparerai a conviverci e a non farti bloccare da esse.

 

Bibliografia

Thought Catalog

GUARDA IL VIDEO DELL’ARTICOLO SU YOUTUBE! 

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Francesco Boz

Le cose vanno bene - rispondiamo sorridendo per rassicurare noi stessi

Commenti

commenti