Emetofobia:la paura del vomito

Bulimia

L’emetofobia è la paura di vomitare, è un disturbo dello spettro d’ansia con delle componenti ossessive – compulsive.

La persona che soffre di questo disturbo teme di sentirsi male appena lascia il posto dove si sente sicuro, per es. La propria abitazione.  Il paziente ematofobico ha paura di perdere il controllo in ambienti e situazioni nuove, spesso nasconde una fobia sociale sottostante, per es. Molti bambini timidi e ansiosi, per la difficoltà ad inserirsi positivamente nel proprio ambiente scolastico, soffrono di nausea e conati di vomito.  Bisogna sottolineare che non esiste un’età specifica per questo tipo disturbo, in quanto, può essere presente in bambini piccoli, ragazzi e adulti.

La radice della parola è “vomito”, deriva dal greco dalla parola “emein” che significa “un atto o un’istanza di vomito” e con fobia, la fobia è invece una paura irrazionale, persistente e sproporzionata, per qualcosa che non rappresenta un reale pericolo, e con cui gli altri si confrontano senza particolari difficoltà psicologiche. La persona fobica si rende conto dell’irrazionalità della propria paura, ma, nonostante questo, non riesce a controllarla con spiegazioni razionali, dimostrazioni e ragionamenti.

Emetofobia sintomi

Chi soffre di questo disturbo, mostra i seguenti sintomi:

  • nausea;
  • conati di vomito;
  • reflusso gastroesofageo;
  • pesantezza allo stomaco;
  • paura di vomitare;
  • paura di perdere il controllo;
  • disturbo digestivi;
  • frequentemente è associata a disturbi dell’alimentazione.

 

Emetofobia cause

Come molti disturbi d’ansia, alla base del disturbo possono esserci apprendimenti familiari disfunzionali, per es. Messaggi ansiogeni sulla pericolosità dell’ambiente circostante, oppure  genitori molto rigidi.

 

Emetofobia cura

Il paziente che soffre di questo disturbo, può alzare forti resistenze al cambiamento per la paura di perdere il controllo e l’incertezza nell’uscire quindi, dalla sua “zona di comfort”.

Il primo punto sarà una sana alleanza terapeutica, la psicoterapia cognitivo/comportamentale e la terapia breve strategica, possono essere due psicoterapie funzionali per la guarigione del paziente.

 

Contatto lo psicologo:

Il dottor. Fabio De Santis effettua terapie in studio e online.

psicologoromadesantis@gmail.com

3472404101

Facebook Comments

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulle mie pagine di facebook “Psicologia“ e "Psiche e Sogno", oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze o avere il parere di uno psicologo o psicoterapeuta? Iscriviti al gruppo di Psiche “Psiche e benessere
 

Commenti

commenti