Psicopatico e narcisista: il profilo degli amanti del selfie

L’Ohio State University ci va giù pesante, finendo per categorizzare attraverso una ricerca gli amanti del selfie e assegnare loro un disturbo.

Entra nello Zanichelli del 2015 la parola selfie, già nel 2013 parola dell’anno dell’Oxford English Dictionary, che ha spopolato sui media e di conseguenza nelle vite di tutti noi. Lo definiscono “Una fotografia scattata a sé stessi, in genere con uno smartphone che viene condivisa su un social network” e ha dato inizio ad una vera e propria mania. Ma qual è la sua funzione? Principalmente, la differenza tra il vecchio autoscatto e l’attuale selfie è l’autorappresentazione e la condivisione con gli altri. L’attività di scattare immagini a sé stessi è collegata alla dimensione narcisistica posseduta dall’individuo, alla ricerca di una gratificazione sia quando le foto si condividono, sia quando restano un fatto privato. Ma nel momento in cui diventano un fatto pubblico si cura di più la luce, la posizione e gli effetti, poi i sorrisi, le smorfie (principalmente di chi lo pubblicherà) e, più in generale, del gruppo di soggetti fotografati: insomma la chiave di volta diventa il passaggio dal privato al pubblico. Solo in questo modo, la popolarità di un selfie diventa disarmante, come quella delle stars dell’Oscar del 2014, che hanno avuto più di ottantamila condivisioni in circa tre minuti.

Sinonimo di Selfie diventano, allora, le parole “accettazione” e “appagamento”. Nonostante possa sembrare banale e scontato un legame tra ammirazione della propria immagine fisica e selfie, l’Ohio State University ne ha dato valenza scientifica. Ha condotto una ricerca che prevedeva un campione prettamente maschile di 800 uomini di età compresa tra i 18 e il 40 anni, intervistati sui propri comportamenti “sociali” di autoreferenzialità, che fanno, cioè, esclusivamente riferimento a sé stessi. Domande del genere “Quante volte scatti un selfie in un giorno?”, “Quanti di questi vengono pubblicati o condivisi?”, “In che modalità?”, “Applichi ritocchi?”, e domande sul proprio livello di autostima, narcisismo, oggettivazione di sé (qualità che raccontano quanto l’apparire sia una priorità per la persona) hanno implicato risposte di sovrastima di sé e delle proprie caratteristiche fisiche. Ciò che spaventa è una certa tendenza all’asocialità e a sviluppare psicopatie, caratterizzata da mancanza di empatia e interesse per gli altri, oltre che una tendenza a comportamenti impulsivi.

Per psicopatia si intende un disturbo caratterizzato da deficit di empatia, rimorso, emozioni nascoste, egocentrismo. Comportamenti aggressivi e probabilità di avere condotte aggressive e violente. Siamo sinceri, l’epoca Social ci presenta una realtà differente, che a volte ci estranea e rende la nostra vita emotiva povera e superficiale. Ovviamente, non significa che la selfie mania comporta necessariamente un disturbo, in quanto, ahimé, non posso negare che gli psicologi spesso (ma non sempre) amano le categorie e la bipolarità, del genere o normale o patologico.

Il fotoritocco è ovviamente più legato al narcisismo, all’insicurezza di sé e alla messa in discussione del proprio corpo, sempre sotto lo sguardo dei giudizi altrui. Il bisogno di ammirazione, l’estrema grandiosità e la carenza di empatia rappresentano il narciso perfetto, che, chi più e chi meno, un po’ rappresenta ognuno di noi.

Ormai conosciuto da grandi e piccini, anche La Repubblica, nel giorno dell’eclissi dello scorso Marzo, ha attratto l’attenzione dei lettori con un articolo intitolato “Attenzione, arriva l’eclissi ma niente selfie al sole che diventa nero”, sicuri di cogliere l’attenzione con un titolo che certamente avrebbe interessato tutti, già pronti con il cellulare alla mano. Così, il giorno dell’eclissi le bacheche di Facebook hanno raccolto tutti i cieli neri fotografati da ogni parte del Mondo, ma senza selfies. Almeno per una volta.

 

Originariamente pubblicato in: http://www.tribunaitalia.it/2015/03/22/psicopatico-e-narcisista-il-profilo-degli-amanti-del-selfie/#sthash.Gj2stF1S.dpuf

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Silvia Demita

It always seems impossible until it's done-

Latest posts by Silvia Demita (see all)

Commenti

commenti