Perché le donne permettono agli uomini di trattarle male

Sarebbe bello un mondo dove le persone si rispettano. Invece troppo spesso il rispetto lascia il posto al tentativo di prevaricare gli altri

Sono il dottor B e rispondo alle domande o commento le discussioni che fate sul gruppo Psiche e Benessere. La domanda a cui voglio rispondere oggi è questa:

Perché noi donne, sopratutto, permettiamo ad un uomo di trattarci male? E non riusciamo a lasciarlo? Ne siamo consapevoli, ma speriamo sempre che lui cambi… e così continuiamo a soffrire, a rovinarci la vita…

#1 Il grido d’aiuto

La prima cosa da dire è questa: siamo davanti al grido d’aiuto di una donna che non chiede qualcosa in astratto, ma esplicita un disagio personale. Quello che dice non è in alcun modo generalizzabile a tutte le donne, ma ciò non lo rende meno vero. È frequente che le donne permettano agli uomini di trattarle male. È altrettanto frequente che le donne e gli uomini vivano rapporti alla pari. Ultimo, esiste anche il caso in cui è la donna a trattare male l’uomo.

Insomma, non è una questione sociale. Sottomettere o farsi sottomettere è una questione individuale.

 

#2 La personalità dipendente

Credo che il concetto di zona di comfort sia familiare a tutti. Ci sono persone la cui autostima non è autosufficiente, soffrono di personalità dipendente. La loro zona di comfort è l’approvazione degli altri. Tutti abbiamo bisogno di un luogo protetto dove stress e ansia non riescono a entrare. Per questo vivono facendo molta attenzione a non creare attriti con le persone. Piuttosto che discutere sono disposte a farsi sottomettere. La paura di venire abbandonate è troppo grande. Vorrebbe dire uscire dalla zona di comfort e cominciare a combattere. La consapevolezza arriva fino a un certo punto, questo meccanismo non è chiaro nella loro testa. Quello che provano è una specie di malessere generato dai comportamenti di chi reputano dovrebbe proteggerle. Ci vuole troppa astrazione per capire che tutto nella vita può cambiare e spesso è l’unico modo migliorare le cose.

 

#3 Speriamo che lui cambi

Il cambiamento è possibile sempre, ma solo se facciamo qualcosa per cominciarlo. Sperare che un partner prepotente cambi da solo è velleitario. Nessuno cambia senza motivo. Salvo catastrofi imponderabili come incidenti o simili. Allora, se lui non cambia atteggiamento dovresti farlo tu nei suoi confronti. Comincia piano, dalle piccole routine del quotidiano e poi, via via che prendi confidenza con le nuove possibilità, potrai provare a cambiare quello che conta veramente.

Se non funziona, devi cambiare partner.

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Commenti

commenti