FRAGILITÀ: DEBOLEZZA O PUNTO DI FORZA?

Hai mai letto la storia “Le due anfore”?

Prenditi un minuto per guardare questo video…

Se non riesci a vederlo, te la racconto io.

La storia parla di due anfore, una nuova e perfetta e l’altra vecchia e rotta. Un contadino, ogni giorno, andava alla sorgente con il suo asino per riempire le due anfore d’acqua da portare al villaggio… ma le crepe dell’anfora vecchia facevano fuoriuscire talmente tanta acqua, che l’anfora vecchia arrivava al villaggio carica solo della metà del contenuto iniziale.  Un giorno, l’anfora vecchia e rotta si confidò con il contadino: “Sono cosciente dei miei limiti. Sprechi tempo, fatica e soldi. Per colpa mia, quando arriviamo al villaggio, io sono mezza vuota. Perdona la mia debolezza e le mie ferite.

La risposta che le diede il contadino te la lascio scoprire dal video 😉

Quanti di noi hanno ferite, debolezze e fragilità, delle quali si sentono in colpa?

Siamo tutti uomini “di vetro“, come scrisse lo psichiatra Vittorino Andreoli: “La fragilità di un vetro pregiato di Murano o di un cristallo di Boemia, bello, elegante, ma basta poco perché si frantumi e si trasformi in frammenti inservibili”. (Vittorino Andreoli, L’uomo di Vetro. La forza della fragilità, Rizzoli 2008)

Ed è proprio questo essere di vetro, fragili e delicati, questo essere anfore con le nostre crepe e le nostre ferite, a renderci speciali.

Provate solo a pensare che in una qualsiasi relazione di aiuto (psicologi, medici, infermieri ma anche in una coppia, o fra amici, quando il partner o l’amico stanno vivendo un momento difficile) , sono proprio le nostre ferite a permetterci di entrare in contatto con le ferite degli altri, ad aiutarci ad essere empatici, comprensivi, accoglienti e rispettosi delle fragilità e del momento altrui.

Così come sono proprio le nostre ferite a chiederci di migliorarci, di impegnarci per ricostruirci, per superarci.

L'”anfora perfetta”, la persona che si sente “arrivata”, vive in realtà nell’illusione della perfezione. E, se c’è una cosa che nessuno di noi può davvero credere, è questa! L’idea illusoria, e a volte presuntuosa, di perfezione maschera una grande fragilità, quella di non accorgersi e non riconoscere le proprio imperfezioni. Sono esattamente queste a renderci umani, sono queste a darci la forza, dopo una caduta, di rialzarci e fare un altro passo in più.

Se leggete le biografie di persone che sono entrate nella storia, vi renderete conto di come nessuna di quelle persone si sentisse “un’anfora perfetta” e, proprio grazie a questa consapevolezza, di fronte ai rifiuti, ai fallimenti, alle cadute, alle porte sbattute in faccia, sono riusciti a trovare dentro se stessi la forza per alzarsi e andare avanti.

DR.SSA ILARIA CADORIN
Psicologa n°9570 Albo Psicologi del Veneto
Contatto e-mail: cadorin.ilaria@gmail.com
FACEBOOK: Dr.ssa Ilaria Cadorin Training Autogeno
INSTAGRAM: ilariacadorinpsicologa
LINKEDIN: Ilaria Cadorin
YOUTUBE: Ilaria Cadorin

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulle mie pagine di facebook “Psicologia“ e "Psiche - ψυχή", oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze o avere il parere di uno psicologo o psicoterapeuta? Iscriviti al gruppo di Psiche “Psiche e benessere
 

Ilaria Cadorin

Psicologa (n° 9570 Ordine degli Psicologi del Veneto).
Consulente grafodiagnostico (diploma conseguito presso la scuola triennale Evi Crotti di Milano).
Esperta in tecniche di rilassamento, Training Autogeno Somatico e Superiore-Meditativo.
Ha conseguito il Master in Psicologia dello Sport e Mental Coaching Sportivo.
E' specializzanda presso la Scuola quadriennale in Psicoterapia Psicoanalitica dell'Infanzia e dell'Adolescenza di Bologna.
Riceve su appuntamento nel suo studio privato a Montebelluna (TV) e a Ponte della Priula (Susegana -TV). Per informazioni: cadorin.ilaria@gmail.com oppure 3464231590.

Latest posts by Ilaria Cadorin (see all)

Commenti

commenti