Come uscire dalle grinfie di un narcisista manipolatore

man-1885143_1280

 

Ciao sto parlando proprio a te, che sei caduto/a, tra le grinfie di un narcisista, si lo so, ti fa sentire considerato, stimato/a, ma fidati è solamente fuffa, in realtà il narcisista è una persona che non prova empatia verso di te, ma ti usa solamente fino a quando gli fai comodo e poi ciao.

Lo capisco che ti fa sentire amato/amata, ma prova sentimenti veri solamente per pochi giorni, poi la sua impossibilità di mettersi a nudo davanti a te, lo fa tornare ad essere un abile manipolatore.

Pensavi fosse un vero amico? Scordatelo, a volte è sincero, ma ti idealizza e poi ti svaluta in pochissimo tempo, se non sei più consono a un suo progetto di vita, l’abbandono è alle porte.

Chi è il narcisista?

Fondamentalmente è un grandissimo insicuro, che ha paura di porsi senza maschera con l’interlocutore, perché teme di essere ferito, deluso, umiliato e, allora come meccanismo di difesa, usa comportamenti manipolatori e predatori.

Come riconoscere un narcisista?

  • Promesse non mantenute
  • Ti frequenta solo se gli fa comodo
  • Freddezza
  • Poca espressione delle emozioni (non in tutti i narcisisti)
  • Ti fa sentire parte di un progetto e poi ti scarica, in men che non si dica.
  • Usa gli altri per i propri fini
  • Mentire
  • Pensa in primis alla carriera e successo
  • Poca empatia

Hai presente la pubblicità in tv? Bella, colorata, ma inafferrabile, oppure uno di quei negozi con delle vetrine bellissime, ma una volta entrati dentro, ti rendi conto che sono vuoti, tutto fumo e niente arrosto, di un narcisista puoi vedere solamente l’involucro esterno, ma non realmente l’interno.

Il disturbo narcisistico di personalità

Non tutti i narcisisti soffrono di un disturbo narcisistico di personalità, ma comunque ne possiedono tratti  in comune.

Vediamo un elenco dei sintomi del disturbo narcisistico di personalità.

  • Mancanza di empatia
  • Sfruttamento interpersonale
  • Comportamento di tipo predatorio
  • Pensare di far parte di un èlite, e solamente persone che nella società hanno importanza possano frequentarlo/a
  • Senso di grandezza smisurata
  • Pensare che tutto gli sia dovuto
  • Richiedere ammirazione
  • Pensare che gli altri siano invidiosi di lui
  • Esagerare i propri talenti

Spesso di questo disturbo, ne soffrono manager imprenditori, insomma persone che nella nostra società sono considerate realizzate, se vuoi leggere il mio articolo sul “disturbo narcisistico di personalità” clicca qui.

Come uscirne

Impara a lavorare sulla tua autostima, a consapevolizzare il fatto, che il narcisista che ammiri non vale più di te, ricordati che quello con il narcisista è un rapporto vuoto, che ti fa stare bene un’ora, ma poi non ti lascia nulla.

Se ti chiama, digli chiaramente, che con lui/lei, non hai niente con cui spartire e chiudi la conversazione, non cadere in masturbazioni mentali, tese a spiegare i suoi comportamenti, pensa a crearti obiettivi potenzianti. Ricordati che tu (anche se non ci credi), sei più sicura/o del narcisista, difatti tu non hai bisogno di manipolare gli altri per sentirti sicuro/a.

Casomai lo incontrassi per la strada, ignoralo; prendi un quaderno e scrivi i motivi del perché è malsano frequentarlo, e ricordati, un narcisista non cambierà mai!, è troppo egosintonico, non si metterà mai in discussione.

Se vuoi, aumentare la tua autostima, scarica gratuitamente il mio ebook da questo sito cliccando qui.

E ricordati; “tu non hai bisogno di lui, sbarazzatene al più presto”.

Sei caduto/a nelle manipolazioni di un narcisista e non sai come uscirne? Contattami ti aiuterò.

fabiodesantispsicologo@gmail.com

3472404101

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulle mie pagine di facebook “Psicologia“ e "Psiche e Sogno", oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze o avere il parere di uno psicologo o psicoterapeuta? Iscriviti al gruppo di Psiche “Psiche e benessere
 

Commenti

commenti