I greci lo avevano capito prima di noi: c’è un qualcosa di spettacolare nelle tragedie, dovuto a un misto di paura e piacere che certe scene horror provocano