La fisica epicurea fece commuovere il giovane Marx: gli brillarono gli occhi quando nella sua tesi di laurea parlò del Clinamen, o Parenklisis, che dir si voglia. Questo