L’AMORE NON BASTA

Oggi vorrei condividere con voi una riflessione:
L’amore non basta.

Pensate di avere un cavallo. Chiamiamolo “Geremia”.
Ogni giorno lo andate a trovare al maneggio: lo collolate, lo salutate e lo abbracciate.
Insomma: gli volete bene!

Il vostro amore per lui sarà visibile a tutti. Il vostro sorriso, i vostri occhi, il vostro modo di camminare e di muovervi sveleranno anche ai più distratti cosa provate per il vostro cavallo.
Amate Geremia e non vedete l’ora di poter stare un po’ con lui.

Il vostro cavallo, però, potrebbe morire.
E’ solo un esempio, per carità, ma potrebbe accadere proprio per colpa vostra.
Accarezzare groppa e criniera con gli occhi pieni d’amore e con la mano colma di gioia non è e non sarà sufficiente.
E’ bene che gli diate biada, carote e acqua. E’ opportuno che lo spazzoliate e che gli lustriate briglie e sella.

L’amore è un potente motore ma, se non si traduce in azioni, non basta.

Erich Fromm, psicologo tedesco, in “L’arte di amare” (lo trovate qui) diceva:

L’amore è un atto.
L’amore è dare, non ricevere.

Dello stesso parere è anche il celebre psichiatra Abraham J. Twerski (di cui pubblicammo un video sulla pagina “PSICOLOGIA”, eccolo qui).

L’IMPORTANZA DEL DARE

Perché questa premessa?
Perché troppo spesso siamo di fronte a situazioni dove è fin troppo facile lamentarsi di ciò che non si riceve, di ciò che non si ha.

Poche volte, però, assistiamo alla domanda: “Io do abbastanza?
Riprendiamo il cavallo dell’esempio (a cui ora mi sono pure affezionato):
Potremmo arrabbiarci con lui se non fosse in grado di saltare gli ostacoli come si deve, ma ci siamo chiesti se gli abbiamo dato sufficiente acqua da bere e se lo abbiamo nutrito come si deve?

 

DARE PRIMA DI RICEVERE

La nostra epoca parla chiaro: Ricevere. Punto e fine.
E’ oltremodo rischioso, però, avventurarsi su questo sentiero.
Se non impariamo prima a dare e a costruire è quasi certo che riceveremo molto poco.
In amore soprattutto.
Siamo pronti a dare?
Avete presente la classica frase che si sente dire da un’amica o da un’amico al calar del sole in spiaggia? (ok, nei film questo scenario)
“Vorrei solo qualcuno che mi volesse bene”.
Niente in contrario.
Ma anche qui sarebbe opportuno chiedersi:
“Io do amore?”

A voi la risposta. Mentale o scritta che sia.

 

 

 

Grazie a tutti!
Se volete aggiungermi, sono qui:

Facebook: Giacomo Fumagalli
per psiche 2

LinkedIn: Giacomo Fumagalli
per psiche

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulle mie pagine di facebook “Psicologia“ e "Psiche e Sogno", oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze o avere il parere di uno psicologo o psicoterapeuta? Iscriviti al gruppo di Psiche “Psiche e benessere
 
Eccomi!

Giacomo Fumagalli

Laureato Scienze e Tecniche Psicologiche Bicocca.
In formazione in PPSDCE Bicocca (Psicologia dei processi Sociali, Decisionali e Comportamenti Economici).
Eccomi!

Latest posts by Giacomo Fumagalli (see all)

Commenti

commenti