LETTERA DI UNA PSICOLOGA A BABBO NATALE

Caro Babbo Natale,
in questo periodo vorrei tornare anche io bambina e avere l’illusione di credere in qualcosa che magicamente possa rispondere ai desideri delle persone e che, soprattutto, le possa aiutare a risolvere i propri problemi.

Vorrei che tu dessi agli uomini e alle donne in coppia la capacità di comunicare e di confrontarsi guardandosi negli occhi, senza mentire, senza nascondersi, senza dividersi in due solitudini che non si incontrano mai.

Vorrei che tu aiutassi i genitori a guardare ai loro figli per quello che realmente sono... e non per quello che loro vorrebbero fossero. Vorrei tu dessi a loro la capacità di fermarsi per capire cosa è bene per i loro figli e di cosa hanno realmente bisogno. Porta come regalo a questi figli il tempo dei loro genitori, sotto forma di gioco, per i bambini, e di ascolto e chiacchiere, per i più grandi.

Vorrei tu portassi ai miei pazienti la consapevolezza di potercela fare… ad attraversare le proprie crisi, a sconfiggere i propri ostacoli, a superare i propri limiti. Vorrei tu donassi a loro il coraggio di vedere le proprie fragilità e di sentire di possedere la forza per lavorarci, per piangerci sopra, per arrabbiarsi… e per riuscire a superarle.

Questo Natale porta senso di appartenenza a chi si è staccato da tutto e da tutti, a chi è scappato dai propri legami, a chi dietro una corazza ormai stanca finge ancora di “non avere bisogno di nessuno”.

Ai miei pazienti che piangono per situazioni familiari di lutti, malattia e difficoltà che non dipendono da loro, porta come regalo delle batterie cariche per andare avanti quando sembra loro di crollare, ma anche una poltrona comoda sulla quale sprofondare dopo le fatiche di una giornata.

E per gli adolescenti, lascia da parte i tatuaggi, i soldi e la tecnologia e regala loro la vicinanza di persone autentiche e di modelli e punti di riferimento buoni per loro. Regala a tutti i ragazzi un pacchetto di sani limiti, che loro odiano ma che sono come le braccia invisibili di una mamma: ti proteggono dal rischio di fare a te stesso troppo male.

E, se posso chiedere un’ultima cosa (concedimelo, Natale viene una volta l’anno): spezza un po’ di pregiudizi sul nostro ruolo, aiuta noi psicologi a prendere spazio nel mondo come strumento di aiuto, come accompagnatori silenziosi nel percorso della vita di chi è in difficoltà.

© DR.SSA ILARIA CADORIN
Psicologa n°9570 Albo Psicologi del Veneto

Metti il tuo MI PIACE alla mia pagina Facebook
Dr.ssa Ilaria Cadorin Training Autogeno

ILARIA CADORIN

Segui il mio profilo INSTAGRAM
 ilariacadorinpsicologa

ilaria cadorin
Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Ilaria Cadorin

Psicologa (n° 9570 Ordine degli Psicologi del Veneto).
Consulente grafodiagnostico (diploma conseguito presso la scuola triennale Evi Crotti di Milano).
Esperta in tecniche di rilassamento, Training Autogeno Somatico e Superiore-Meditativo.
Ha conseguito il Master in Psicologia dello Sport e Mental Coaching Sportivo.
E' specializzanda presso la Scuola quadriennale in Psicoterapia Psicoanalitica dell'Infanzia e dell'Adolescenza di Bologna.
Riceve su appuntamento nel suo studio privato a Montebelluna (TV) e a Ponte della Priula (Susegana -TV). Per informazioni: cadorin.ilaria@gmail.com oppure 3464231590.

Latest posts by Ilaria Cadorin (see all)

Commenti

commenti