Trucchi per migliorare la concentrazione

Le nuove tecnologie, la nuova socialità, il mondo 2.0 e l’evoluzione del mondo come lo conoscevamo, hanno aumentato esponenzialmente le distrazioni. Concentrarsi è diventato molto difficile, anche per chi non è nato digitale e quindi ha sperimentato il piacere fisico della lettura su carta, dell’indagine in biblioteca, dello sforzo mnemonico per ricordare un numero di telefono e di mille altre situazioni che lentamente svaniscono nel passato.

Il mondo di oggi crea un popolo di persone incapaci di concentrarsi per via della necessità di spostare continuamente l’attenzione su qualcos’altro.

La psicologa Lucy Jo Palladino, anni impegnata nel trattamento del disturbo d’attenzione iperattività, ha raccolto una lista di consigli utili per fronteggiare le distrazioni della vita quotidiana e migliorare la concentrazione.

Migliorare la concentrazione cover

Distrazione 1: Social media.

È molto facile connettersi con gli amici – e disconnettersi dal lavoro – molte volte in un’ora. Ogni volta che consulti un social anche per pochi secondi sposti il focus dei tuoi pensieri, obbligandoti a riposizionarlo dov’era quando ti rimetti al lavoro.

Soluzione: evita di loggarti ai social media mentre lavori. Se senti l’impellenza di consultarli spesso, limitati comunque a farlo durante la pause, quando interromperesti comunque la concentrazione. A volte la soluzione più drastica, purtroppo spesso non praticabile, per combattere questa dipendenza e rinuncia a internet per qualche ora.

 

Distrazione 2: La mail.

Anche se molte mail sono corrispondenza di lavoro, puoi considerarle comunque delle distrazioni dal lavoro che stai svolgendo. Non vai avanti se ti interrompi ogni 10 minuti per rispondere ai messaggi.

Soluzione: invece di controllare compulsivamente la tua casella di posta, pianifica dei momenti in cui farlo, durante i quali risponderai a tutte le mail arrivate.

 

Distrazione 3: Lo smartphone.

Il suono di un telefono che squilla è impossibile da ignorare. Ma rispondere a una chiamata può costarti non solo il tempo della conversazione, può interrompere un momento in cui eri molto concentrato e il tuo lavoro avanzava molto bene.

Soluzione: quando hai bisogno di dedicare tutta la tuo concentrazione sul lavoro, spegni la suoneria, o addirittura il telefono. Non ha senso essere schiavi di qualcosa che fino a 15 anni fa nemmeno esisteva.

 

Distrazione 4: Multitasking.

Se padroneggi l’arte del multitaskng, probabilmente credi di riuscire a fare più cose in minor tempo. Tutte le ricerche a riguardo smentiscono questa credenza. Il multitasking obbliga a spostare molte volte l’attenzione da un compito all’altro, questo spostamento costa tempo. Alla fine è stato scientificamente valutato che svolgere tre compiti contemporaneamente richiede più tempo che volgere gli stessi tre compito uno dopo l’altro.

Soluzione: concentrati su un compito per volta, secondo una scaletta di importanza da te decisa in precedenza. Utilizza la tua abilità di multitasking per rispondere a quelle richieste temporanee e inaspettate che inevitabilmente arriveranno.

 

Distrazione 5: Noia.

Alcuni compiti sono più interessanti di altri. La noia può polverizzare la tua attenzione e renderti estremamente vulnerabile alle distrazioni.

Soluzione: l’unica cosa da fare è venire a patti con te stesso. Stabilisci una pausa ogni tot tempo concentrato su quello che devi fare, indipendentemente da quanto noioso possa essere. È più facile portare a termine un compito noioso se intravedi una ricompensa alla fine della noia.

Distrazione 6: Pensieri assillanti.

È molto difficile concentrarsi quando si ha altro per la testa. Ci sono alcuni pensieri che ci assillano la mente: un incontro importante, dei lavori da fare a casa, una conversazione avuta con un collega e molti altri.

Soluzione: per migliorare la concentrazione in presenza di pensieri assillanti devi organizzarli. Scrivili su un foglio, ordinati dal più importante a quello che lo è meno. Una volta scritti, i pensieri assillanti perdono gran parte del loro potere distraente perché abbiamo la sensazione di avere il controllo su di essi.

 

Distrazione 7: Stress.

La sensazione di avere troppa carne al fuoco può incidere negativamente sulla tua performance. Inoltre uno stress prolungato causa numerosi sintomi come dolori cervicali, mal di testa, tachicardia che possono rendere molto difficile concentrarsi.

Soluzione: impara delle tecniche di rilassamento o meditative. Attraverso queste tecniche puoi imparare a ridurre i livelli di stress. Ridurre i livelli di stress significa migliorare la concentrazione e migliorare la concentrazione significa una maggiore efficacia nello svolgimenti dei tuoi compiti. Maggiore efficacia significa meno stress, e qui li cerchio si chiude.

 

Distrazione 8: Stanchezza.

La fatica può rendere impossibile concentrarsi anche quando le distrazioni sono poche.

Soluzione: la necessità media di sonno si attesta attorno alle 7-9 ore. Impara a fare del riposo una priorità. Dormire di più per alcuni sembra una perdita di tempo, ore rubate al tempo libero. In verità permette di portare a termine i propri lavori più velocemente grazie alla maggiore concentrazione, aumentando così anche il tempo libero.

 

Distrazione 9: Fame.

Il cervello ha bisogno di benzina per funzionare. Diete molto rigide o male bilanciate possono rendere molto difficile restare attenti e orientati a portare a termine i propri compiti.

Soluzione: segui queste 4 regole:

– Fai sempre colazione.

– Fai merenda con snack proteici.

– Evita i carboidrati semplici

– Prediligi i carboidrati complessi.

 

Distrazione 10: Depressione.

Erroneamente le persone credono che la tristezza sia il sintomo chiave della depressone. Ma secondo il National Institute of Mental Health il sintomo più comune della depressione è la difficoltà di concentrazione.

Soluzione: la depressione può essere passeggera, oppure no. Il solo sospetto di essere affetto da questa forma di disagio psicologico necessità un’indagine approfondita da parte di un clinico esperto

 

Bibliografia

http://www.webmd.com/

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Francesco Boz

Le cose vanno bene - rispondiamo sorridendo per rassicurare noi stessi

Commenti

commenti