STUDENTI ALL’INIZIO DELL’ANNO SCOLASTICO

Capita che, nel cominciare un nuovo anno scolastico, i figli appaiano persi, agitati, dando l’impressione di non essere mai andati a scuola. Spesso il passaggio da una classe all’altra, o da un grado di scolarizzazione ad un altro, può essere foriero di ansie. Va tenuto in considerazione che gli adolescenti sono in una fase di cambiamento fisico e psichico molto delicato della loro vita e spesso i genitori fanno fatica a seguirli, soprattutto nel tentativo di dare consigli affinché abbiano sicurezza in se stessi, usino grinta e volontà nell’affrontare le sfide della vita e della scuola, che rappresenta per loro un “banco di prova”.

Il punto da cui partire è il giorno prima dell’inizio della scuola, la sera prima infatti, si prepara la cartella, si sentono i vecchi compagni, comincia l’ansia e nasce l’agitazione per il nuovo inizio. Che si tratti del passaggio dalla materna alle elementari, o dalle elementari alle medie, dalle medie alle superiori o l’inizio del percorso universitario, ciò con cui si fanno i conti sono le incognite che una nuova situazione porta con sé: compagni, docenti, regole, abitudini, tutte situazioni sconosciute che i ragazzi e le ragazze devono imparare a conoscere con il loro bagaglio esperienziale, cioè la rivalutazione di tutte quelle modalità comportamentali e relazionali sviluppate in altri momenti ed in altri contesti che non è detto siano giuste per questi nuovi contesti.

Il nostro bagaglio culturale e di vita fanno parte di noi e insieme alla grinta e alla voglia di fare rappresentano il nostro biglietto da visita nel contatto con gli altri per i giorni a venire; il modo in cui ci presentiamo, con i nostri gesti, i nostri sguardi e, perché no, anche con il nostro abbigliamento, sono ciò che gli altri percepiranno per primi di noi stessi. Come diceva Oscar Wilde: “Non c’è mai una seconda occasione per fare una buona prima impressione”. Già dall’appello, la modalità di risposta ad esso, la comunicazione che il giovane mette in atto, rappresentano una categorizzazione del proprio modo di essere. Tutto ciò che è inerente alla scuola, allo stare in classe (cura dei libri, educazione nelle risposte, rapporto con i compagni, rispetto delle regole) daranno il senso di chi è e come gli altri si rapporteranno con lui.

Per una buona partenza è necessario svolgere al meglio il proprio ruolo, cioè studiare da subito, con costanza e volontà, rimboccandosi le maniche è fondamentale. È solo la consapevolezza che il mettersi in gioco quotidianamente ci farà migliorare, il messaggio da far passare con i propri figli è proprio questo: darsi degli obiettivi ed adoperarsi per raggiungerli. Insegnare ai propri figli che viene prima il dovere e poi il piacere dovrebbe essere la mission di ogni genitore, solo così gli si darà quel senso di autonomia e responsabilità che lo caratterizzeranno nella sua vita.

A ciò va aggiunta anche la curiosità: è utile instillare il loro quel senso di curiosità che li porti ad affrontare le cose con senso critico, approcciandosi ad esse in un’ottica di scoperta, di progresso che nasce dalle nuove conoscenze.

© Dott. Pasquale Saviano
Psicologo – Psicoterapeuta

 

7 FRASI CHE CAMBIERANNO LA TUA VITA

 

6 COSE DA IMPARARE PER ESSERE FELICI

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 
Follow me

Pasquale Saviano

Psicologo - Psicoterapeuta
Specialista in Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicanalitica
Corso Europa, 12 - Frattamaggiore (NA)
Per info e contatti:
Tel. 3204692910
savianopasquale@hotmail.com
www.facebook.com/PsicologoFrattamaggiore
Follow me

Latest posts by Pasquale Saviano (see all)

Commenti

commenti