NON PROVARE A LEGGERE QUESTO ARTICOLO!!

Se ti trovi davanti allo schermo a leggere queste parole hai già la conferma di quanto siano persuasivi i comandi negativi.

Sbaglio o ti era stato ordinato di non aprire l’articolo? Probabilmente hai sentito anche più necessità ad aprire questo rispetto a qualsiasi altro,solo per il titolo.

Il perché è subito spiegato: Quante volte hai sentito la frase “Non pensare ad un elefante rosa”? E quante di queste volte sei riuscito a leggere o sentire questa frase senza pensarci realmente?

Se la risposta è MAI non è colpa tua, tranquillo, semplicemente il nostro cervello, o per meglio dire, la nostra parte conscia, ha problemi ad elaborare frasi di questo genere.

Prima ancora di elaborare l’affermazione negativa, la mente deve processare la frase relativa; se infatti ti dicessi “non pensare al colore blu”, molto probabilmente prima penserai al colore blu e poi al fatto che non dovevi pensarci, è inevitabile.

Inoltre, la negazione è un’arma pericolosa, soprattutto per l’adulto. Sentirsi negati di poter fare qualcosa da qualcun’altro ci porta automaticamente a sentirci privati della nostra libertà e quindi del nostro libero arbitrio e tendiamo a ribellarci ad esso.

Siamo spontaneamente portati, dal nostro istinto, ad andare contro quel qualcosa che non decidiamo noi di non fare, bensì ci viene imposto da un terzo.

Questa è una vera e propria “trappola” di persuasione psicologica a cui veniamo sottoposti ogni giorno, nel nostro quotidiano; è diventata infatti così comunemente “normale” da utilizzare che ci cadiamo senza neanche rendercene conto a volte.

Pensate solamente alle pubblicità: quante volte, per esempio, accendendo la TV, vi siete imbattuti in frasi del tipo: “Non farti sfuggire questa occasione” oppure “Non mancare all’appuntamento del pomeriggio” o anche “Non vivere con la depressione”.

Ci state facendo caso adesso?

In realtà tutti questi messaggi ci stanno dicendo: “Fatti sfuggire questa occasione” ; “Manca all’appuntamento del pomeriggio”; “Vivi con la depressione”.

Il trucco per superare questo problema sta nel trasformare questi comandi negativi in affermazioni positive come: “Assicurati di sfruttare questa occasione”; “Rimani sintonizzato per l’appuntamento del pomeriggio”; “Supera la depressione”.

Può sembrare difficile, ma non è affatto cosi.

Buddha diceva: “Se tutto è il risultato di ciò che pensiamo, allora è possibile, convertendo la nostra mente, cambiare le regole del gioco“.

Ed ora mettete un bel “mi piace”.. anzi… NON PROVATE A METTERE “MI PIACE”!

 

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Commenti

commenti