Il mondo dei bambini “speciali”

 

Marco è un bambino di otto anni che frequenta il terzo anno della scuola primaria. Si osserva che il bambino è lento nella lettura rispetto ai suoi compagni di classe e si rifiuta di leggere ad alta voce.  Ogni volta che  Marco prova a leggere ad alta voce commette numerosi errori, confondendo lettere, saltando righi e spesso non termina la lettura del brano. In classe Marco appare introverso e qualche volta aggressivo.  Preferisce le relazioni duali,evitando momenti di confronto in gruppo. Il bambino viene sottoposto ad una valutazione psicodiagnostica in cui viene certificato DSA.

I disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) sono caratterizzati da una disfunzione del sistema nervoso centrale a causa di una lacuna nell’elaborazione delle informazioni.  In questo modo il bambino riceve adeguatamente le informazioni dall’ambiente esterno ma c’è un difetto nell’integrazione, nel processo e nell’archiviazione di queste informazioni, risultando in problemi nell’”uscita” delle informazioni in forma scritta,  lettura o calcolo. Secondo il DSM IV i disturbi specifici dell’apprendimento sono un gruppo eterogeneo di disordini che si manifestano con significative difficoltà nell’acquisizione e uso di abilità di comprensione del linguaggio orale, espressione linguistica, lettura, scrittura  ,ragionamento o matematica.

La legge 8 ottobre 2010,n.170 riconosce la dislessia, la disortografia, la disgrafia e la discalculia come disturbi specifici di apprendimento.

La dislessia è un disturbo specifico della lettura,  si caratterizza per la difficoltà ad effettuare una lettura accurata e fluente in termini di velocità e correttezza.  Tale difficoltà può ripercuotersi anche sulla comprensione del testo, ma non sempre sono correlati.  Non si può parlare di dislessia prima dei 7 anni-7 anni e mezzo, età che coincide con la fine della seconda classe primaria. Le caratteristiche principali che riguardano questo disturbo Sono:

1)confusione di segni diversamente orientati nello spazio(p-b-d-q)

2)confusione di segni che differiscono per piccoli particolari (m-n)

3)confusione nel discriminare segni alfabetici che corrispondono a suoni che si assomigliano(f-v)

4)omissione di grafemi e di sillabe(fonte-fote)

5)salti di parole e salti da un rigo all’altro

6)inversioni di sillabe (al-la)

7)aggiunte e ripetizioni (tavovolo)

8)trasformazioni di parole

La disortografia è un disturbo della scrittura dovuto a deficit nei processi di uso dei segni alfabetici e di collocazione al posto giusto e/o a rispettare le regole ortografiche (apostrofi, accenti, forme verbali ecc..). Il soggetto disortografico commette errori ortografici significativamente superiori rispetto a quelli che ci si dovrebbe aspettare, facendo riferimento al suo grado di istruzione. Le principali caratteristiche di questo disturbo sono:

1)confusione tra fonemi simili (f e v)

2)confusione tra grafemi simili (b e p)

3)omissioni (palla-pala)

4)inversioni (sefamoro anziché semaforo)

La disgrafia è un disturbo della scrittura di natura motoria,  dovuti ad un deficit nei processi di realizzazione grafica (grafia).  Essa comporta una grafia: poco chiara,  irregolare nella forma e nella dimensione,  disordinata e difficilmente comprensibile.  Le principali caratteristiche che contraddistinguono tale disturbo sono:

  • Pressione non corretta
  • Scarso orientamento nello spazio grafico
  • Pressione sul foglio troppo lieve o eccessiva
  • Direzione del gesto grafico non corretta
  • Produzioni o riproduzioni grafiche non precise
  • Scarso rispetto delle dimensioni dei grafemi
  • Ritmo grafico troppo lento o troppo veloce

 

La discalculia guarda il disturbo di manipolare i  numeri,  nell’eseguire calcoli rapidi a mente, nel recuperare i risultati delle tabelline e nei diversi compiti di aritmetica (algorittimi).  Le principali caratteristiche di questo disturbo sono:

1)difficoltà nella denominazione di simboli matematici

2)difficoltà nella scrittura di simboli matematici

3)difficoltà nella lettura dei simboli matematici

4)difficoltà a svolgere operazioni matematiche

5) difficoltà nella soluzione di problemi

Spesso si ha difficoltà nel riconoscere tali disturbi. Le famiglie , per lo più, considerano il proprio figlio pigro,  svogliato,  disinteressato, con poca voglia di studiare. Il bambino invece, con DSA non ancora diagnosticato vive un malessere profondo a cui non riesce a dare spiegazione. Si rende conto che impiega più tempo degli altri nella lettura e che gli occorre più tempo per imparare a leggere.  I suoi compagni non comprendono il motivo della diversa modalità di apprendimento, possono facilmente prenderlo in giro ed escluderlo.

Dinanzi a un quadro diagnostico relativo ai disturbi specifici dell’apprendimento, è importante utilizzare strategie di apprendimento diverse le quali possono essere un valido supporto all’autostima del bambino, permettendogli di raggiungere i medesimi obiettivi didattici dei suoi compagni.

 

Dott.ssa Angela Aitella

psicologa

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Latest posts by Angela Aitella (see all)

Commenti

commenti