LE RELAZIONI TAPPABUCHI

Ah, l’amore, l’amore! Quanto ci fa penare ma allo stesso tempo quanto ne abbiamo bisogno!

Proprio per questo motivo, gli articoli sull’amore e sulle relazioni sono fra i più letti: perché ci interessano di più, perché un po’ tutti abbiamo la necessità e il desiderio di capire il perché di certe dinamiche e di certe situazioni.

La settimana scorsa , dopo una serie di sedute con i miei pazienti, mi sono resa conto che il tema ricorrente era stato, per “coincidenza”, quello amoroso e, in particolare, quello delle relazioni tappabuchi.

Quanti di noi hanno conosciuto o conoscono persone che appena terminata una relazione, hanno già la ruota di scorta, pronta per la sostituzione?

Il passaggio avviene in maniera estremamente rapida, alcune volte in contemporanea, altre volte nel giro di qualche settimana, al massimo in 1-3 mesi.

Avete presente il pitstop? Il momento in cui durante il Gran Premio il veicolo si ferma ai box per il cambio pneutomatici? Ecco, quando subite o agite un cambio di partner così repentino, immaginatevi proprio questa scena e fatevi una bella risata!

Forse anche tu, facendo un po’ di auto-analisi, ti rendi conto di aver utilizzato (o di utilizzare tutt’ora) questa modalità.  Per la serie:  “Fuori uno, avanti il prossimo!”

A volte è persino ironico e paradossale vedere questi switch, questi cambi, nelle foto in Facebook: il Capodanno di un anno erano con una persona, a Pasqua dell’anno dopo con un’altra e al Capodanno dell’anno dopo con una nuova persona ancora!

(Sottolineo che questa lettura riguarda gli adulti: per gli adolescenti il discorso è diverso e non può essere assolutamente interpretato in ugual maniera!)

Come mai avviene questo?

Potrei citare decine di studi psicologici che ne stanno alla base ma in realtà servirebbero a poco. Ogni storia personale è a se stante e trova nella sua “narrazione” l’origine di questo comportamento.

Secondo la visione psicoanalitica, nella persona c’è un VUOTO così grande, così profondo e antico, da non permetterne la possibilità di contatto.

Le relazioni affettive vanno di volta in volta a colmare quel vuoto permettendo alla persona di rimanere in equilibrio. Ma, quando terminano, il buco che lasciano è troppo doloroso per rimanere scoperti.

Un po’ come quando si ha una ferita che sanguina…

Le opzioni sono due:

  • continuare a cambiare cerotto appena quello in uso è saturo,
  • oppure fermarsi per capire come mai c’è quella ferita. Si potrebbe scoprire, ad esempio, che si ha una scheggia di vetro e che è fondamentale rimuoverla, disinfettarsi e, solo in un secondo momento, mettere un nuovo il cerotto.

Però noi sappiamo bene quanto sia difficile guardarsi dentro…
Per queste persone è molto “meglio” tamponare, sostituire, compensare… e il più velocemente possibile.

Quale è il rischio di essere dentro una relazione di questo tipo o di esserne l’artefice?

Che l’amore che si crede di vivere non sarà mai autentico. La relazione che si crea è un cerotto che prima o poi verrà cambiato. Come ha cambiato un’altra con te, cambierà te per un’altra. E, allo stesso modo, come tu hai cambiato il parter A per il partner B, così cambierai il partner B per il partner C.

A meno che… a meno che non ti FERMI.

A meno che non ti svegli (spiritualmente o psicoanaliticamente parlando) e ti rendi conto che stai solo buttando via tempo prezioso che potresti dedicare, finalmente, per la prima volta a te stessa, a te stesso.

Sono negative le relazioni-tappa-buchi? Beh, chi può dirlo.
Ci sono miriadi di uomini e di donne che passano la loro vita saltando da una relazione-tappabuchi ad un’altra tappabuchi. E spesso il loro livello di consapevolezza è così basso che nemmeno si soffermano a leggere questo articolo…. loro, loro che nei tempi del “pitstop” sono i migliori. Il loro inconscio nega quella realtà tanto che non percepiscono che l’articolo ha a che fare con qualcosa che potrebbe riguardarli.

Mentre TU, che sei qui e stai leggendo queste parole…

Tu che sei stata lasciata o che sei stato lasciato venendo rimpiazzata/o dopo pochissimo tempo da qualcun altro/a.
Tu che stai leggendo e che ti ritrovi a non riuscire a stare senza un partner, senza una compagna… STOPPA questo circolo vizioso.

Se vuoi scrivermi sarò felice di risponderti e di aiutarti, come posso, a capire cosa sta succedendo.

DR.SSA ILARIA CADORIN
Psicologa n°9570 Albo Psicologi del Veneto
Contatto e-mail: cadorin.ilaria@gmail.com
FACEBOOK: Dr.ssa Ilaria Cadorin Training Autogeno
INSTAGRAM: ilariacadorinpsicologa
LINKEDIN: Ilaria Cadorin
YOUTUBE: Ilaria Cadorin

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulle mie pagine di facebook “Psicologia“ e "Psiche e Sogno", oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze o avere il parere di uno psicologo o psicoterapeuta? Iscriviti al gruppo di Psiche “Psiche e benessere
 

Ilaria Cadorin

Psicologa (n° 9570 Ordine degli Psicologi del Veneto).
Consulente grafodiagnostico (diploma conseguito presso la scuola triennale Evi Crotti di Milano).
Esperta in tecniche di rilassamento, Training Autogeno Somatico e Superiore-Meditativo.
Ha conseguito il Master in Psicologia dello Sport e Mental Coaching Sportivo.
E' specializzanda presso la Scuola quadriennale in Psicoterapia Psicoanalitica dell'Infanzia e dell'Adolescenza di Bologna.
Riceve su appuntamento nel suo studio privato a Montebelluna (TV) e a Ponte della Priula (Susegana -TV). Per informazioni: cadorin.ilaria@gmail.com oppure 3464231590.

Latest posts by Ilaria Cadorin (see all)

Commenti

commenti