LAMENTARSI? SI’, MA PER 10 MINUTI!

Ecco allora che vi rivelo uno stratagemma davvero utile per traghettarsi dalla dimensione della lamentela a quella dell’apertura al mondo, alle novità, ai cambiamenti, ad un modo di vivere con fiducia e propositività.

Si tratta di lamentarsi, sì, ma SOLO PER 10 MINUTI AL GIORNO!

Come si fa, nel concreto? Semplicemente così: immaginiamo che decidiate di dedicare quei 10 minuti di lamentela ad un momento serale. Questa può essere una giornata tipo:

  • Vostro figlio, mentre fa colazione, fa cadere la tazza di latte sporcando se stesso, il pavimento, la sedia e tutto ciò che lo circonda? Ascoltate i vostri pensieri di lamentale e STOPPATELI. Ditevi: “Non adesso, stasera!
  • Bucate la ruota della macchina e avevate un appuntamento importante? Mentre aspettate qualcuno che vi venga ad aiutare, ascoltate i vostri pensieri di lamentela e STOPPATELI. Ditevi: “Non adesso, stasera!”
  • A pranzo avete un contrattempo e non riuscite a terminare quel lavoro che vi eravate promesse di concludere proprio in quella pausa? Ascoltate i vostri pensieri di lamentale e STOPPATELI. Ditevi: “Non adesso, stasera!”
  • Il collega d’ufficio si dimentica di fare un lavoro dal quale poi sarebbe dipeso il vostro intervento, così si ritarda tutto? Ascoltate i vostri pensieri di lamentale e STOPPATELI. Ditevi: “Non adesso, stasera!”

Sì, vi ho fatto l’esempio di una giornata tipo un po’ sfigata. Ma non credete che sia tanto lontana dalla realtà percepita da molte persone.

Posso essere sembrata ripetitiva, ma il gioco consiste proprio nel:

  • POSTICIPARE la lamentela, a quel momento della giornata che avete programmato.
  • RIDURRE la lamentela ad un tempo di 10 minuti.

All’inizio questa strategia poteva sembrarvi paradossale ma, se ci pensate bene, la maggior parte di noi vive le proprie giornate lamentandosi, probabilmente sfiorando il 60-70% delle 24 ore.

Con questa strategia innanzitutto renderete fattibile, e non impossibile, quel “traghettamento” da un’abitudine (la lamentela) ad un’altra (l’apertura e propositività) e ridurrete drasticamente il tempo di permanenza e assuefazione della vostra mente nella lamentela, nel negativo.

Con il passare dei giorni vi renderete conto di quanto sia molto più scomodo, poco produttivo e soprattutto poco sano, stare anche solo quei “10 minuti” a lamentarvi, preferendo altre strade e modalità di pensiero e di azione.

Ecco allora che il tempo della lamentela si ridurrà ulteriormente dai 10 minuti al giorno ai 10 minuti alla settimana, probabilmente dal vostro psicologo 😉

Buon esercizio!

DR.SSA ILARIA CADORIN
Psicologa n°9570 Albo Psicologi del Veneto
Contatto e-mail: cadorin.ilaria@gmail.com
FACEBOOK: Dr.ssa Ilaria Cadorin Training Autogeno
INSTAGRAM: ilariacadorinpsicologa
LINKEDIN: Ilaria Cadorin
YOUTUBE: Ilaria Cadorin

 

Torna indietro…

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 
Ilaria Cadorin
Latest posts by Ilaria Cadorin (see all)

Commenti

commenti