La dipendenza da sigaretta elettronica

 

DIPENDENZE PATOLOGICHE

L’ USO DELLA SIGARETTA ELETTRONICA COME STRUMENTO DI SODDISFAZIONE PSICOLOGICA

Vaping

Vaping

Come mai è cosi difficile smettere di fumare? Perchè ci si prova e riprova, ma per alcuni sembra impossibile allontanarsene, tanto da avvicinare la sigaretta ad altre dipendenze patologiche ?

Vediamo per prima cosa che il fumo da sigaretta tradizionale implica l’instaurarsi di una dipendenza fisica, ma anche in buona parte psicologica

La sostanza che crea dipendenza fisica è la “nicotina, considerata una vera e propria sostanza psicoattiva, ovvero una sostanza che induce nel sistema nervoso centrale delle modificazioni sulla funzionalità nervosa con conseguente aumento della produzione di dopamina, che a sua volta dà una sensazione di piacere e gratificazione.  Nella maggior parte dei casi il comportamento di abuso è però associato al massiccio fenomeno della dipendenza psicologica, che si manifesta con comportamenti di ricerca compulsiva della sostanza desiderata (fumo) per arrivare alla soddisfazione di un forte desiderio nei periodi di privazione, detto Craving.

In Realtà l’ E-cig è stata introdotta proprio per essere d’aiuto nel percorso di “disintossicazione” dall’ abuso di sigaretta tradizionale e nell’aiutare a sostenere il periodo di  “Astinenza”.  Attraverso la sigaretta elettronica infatti si ha la possibilità di scalare gradualmente il dosaggio di nicotina con l’obiettivo di arrivare a un dosaggio  pari a “zero”, quindi si propone al fumatore una modalità dolce e graduale di smettere.

Ma cosa accade se questo nuovo “dispositivo” ci soddisfa, ci diverte , ci gratifica e ci rilassa?  Si crea il presupposto per una nuova dipendenza psicologica difficile da sciogliere ? I vapers che non possono svapare vanno incontro ai sintomi del Craving ? Nervosismo , ansia e umore depresso ?

Sicuramente puo’ accadere che il fumo elettronico sostitutivo della sigaretta tradizionale, possa essere percepito non solo come un aiuto ad abbandonare la sigaretta tradizionale pericolosa per la salute, ma anche come un oggetto di piacere poco dannoso per la salute quindi più accettabile.

La sensazione di un vapore aromatizzato in bocca, la sensazione della tip calda sulle labbra,le nubi di vapore profumato che prendono forma nell’ambiente, la possibilità di cambiare e acquistare modelli di e-cig nuovi sempre più tecnologici e potenti, la creatività di variare anche più volte al giorno liquidi con aromi molto gustosi al palato, può certamente far instaurare delle abitudini e delle buone sensazioni da cui è molto difficile poi allontanarsi.

Questi fattori possono senza dubbio favorire lo stabilirsi di una dipendenza psicologica importante come nella sigaretta tradizionale e come in altri tipi di dipendenze da sostanze psicoattive e portare alla strutturazione di “Dipendenze Patologiche”.

 

Il mercato in questo settore inoltre sembra crescere ogni giorno di più, così come la curiosità e l’interesse per questo “mondo” .

Assistiamo sempre più di frequente all’avvicinamento alla dimensione dello svapo da parte di persone che non hanno mai fumato in vita loro, ma che, incuriositi e affascinati da questo dispositivo, iniziano  a svapare non per allontanarsi da altro, ma per provare sensazioni nuove e piacevoli.

Così può capitare di leggere nei forum di ragazzi anche minorenni che  chiedono ai più esperti come fare e quali sono i consigli per iniziare nel modo giusto o di giovani che si avvicinano a questa nuova dimensione, partecipando attivamente ad eventi e raduni; in questo modo l’interesse cresce e si coltiva, diventa quasi un modo di vivere e di rappresentare in un certo modo la propria dimensione.

 

Dunque ? I dispositivi elettronici  che dovrebbero aiutare a smettere di assumere nicotina stanno avvicinando a sè un vasto pubblico, che vuole invece iniziare a provare le piacevoli sensazioni dello svapo. Questo può creare “ nuovi modi di consumare “ che potrebbero diventare anche patologici ( Addiction) in adolescenti e adulti a seconda anche della quantità di nicotina assunta.

 

Indubbiamente questo tema ci porta a riflettere sul peso sociale e mediatico che il fenomeno “SVAPO” sta assumendo nelle nostre realtà, apportando modifiche ai gusti, scombinando quella che in precedenza doveva essere “la sua missione di supporto e faciltazione” allo smettere di fumare. 

 

Si prospettano nuovi modi di considerare la E-cig, cambiano gli usi, le forme , la funzionalità e le modalità di consumo di questo dispositivo,  che diventa più interessante, accattivante: cambia in definitiva la funzione sociale e psicologica che la sigaretta elettronica va ad assumere.

 

 * Articolo scritto per Sigmagazine.it

http://www.sigmagazine.it/2016/12/psicologa-del-monte/

 http://www.vapoteurs.net/vapbreves-lactualite-week-end-10-11-decembre-2016/

 

 A cura della D.ssa Marzia Del Monte

Psicologa esperta in nuove dipendenze patologiche

& Counseling psicologico.

Tel. 347 94 53 367  

marziajose@gmail.com 

https://www.facebook.com/d.ssa.marziadelmonte77

https://www.facebook.com/d.ssa.marzia.delmonte/

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Commenti

commenti