I FIGLI DURANTE LA SEPARAZIONE

Le separazioni non sono un problema, non più grande o più grave, almeno, di quanto possa costituire lo stare in un clima familiare doloroso e conflittuale.

Però è anche vero che i figli di genitori separati vivono sicuramente una sofferenza che tutti vorrebbero negare, ma che esiste, c’è e che bisogna accettare ed anche aiutare a far esprimere.

Nei casi di separazione, occorre sempre prestare reale attenzione a come i vostri piccoli possono vivere la situazione di separazione coniugale.

Per un bambino, infatti, non è mai “normale” quando la sua mamma e il suo papà “non si vogliono più bene”. I bambini nascono dall’Amore dei loro genitori e quando quell’amore finisce viene messo in discussione tutto, anche la loro esistenza (e da qui le domande: “E’ per me che non volete più stare insieme?”, “E’ colpa mia?”, “Ho sbagliato io?”).

Piacerebbe a tutti pensare che già a 5-10-13 anni, i propri figli abbiano la capacità di capire le cose “dei grandi”, ancor di più se “ben” motivate.

Ma non è così:

Nei momenti di crisi come la separazione dei genitori, un bambino rimane un bambino… e un adolescente “ritorna” un bambino.

Non si è mai pronti per la separazione dei propri genitori.

Non si è mai pronti per accettare il crollo dell’illusione di avere una famiglia “normale”, unita, “come ce l’hanno tutti” (nonostante la frequenza dei divorzi sia altissima).

Non si è mai pronti per sapere e vedere che la propria mamma e il proprio papá non si amano più e che amano un altro uomo o un’altra donna, tanto meno nelle fasi immediatamente successive alla separazione.

A voi genitori che vi state separando ricordate che vi occorre un tempo per imparare la PAZIENZA, per imparare l’ASCOLTO, un tempo da dedicare a voi stessi, all’elaborazione del LUTTO della fine di una storia d’amore, anche se siete voi a voler chiudere.

E ancor di più vi occorre un tempo da dedicare a vostro figlio, alla SCOPERTA di un nuovo modo di stare con lui affinché senta che la mamma e il papá per lui ci sono ancora, che sono forti e stabili ANCHE in quel momento.

Ci sono tantissime coppie che si lasciano in maniera molto sbrigativa per un apparente “grande amore” scoperto fuori dalla coppia e che appena chiusa la relazione, o anche durante, vivono l'”essere-morosi” dimenticando l’essere-genitori.

A vostro figlio va permesso di vivere una mamma e un papà che sono una donna e un uomo capaci di stare in piedi, anche DA SOLI, e ai quali ci si può appoggiare ancora, perché sono FORTI, SICURI e STABILI.

Siete voi che avete messo al mondo i vostri figli, non ve lo hanno chiesto loro.
Se non si vogliono responsabilità non si fanno figli e non si comprano animali.

Si prende una pianta, piuttosto… finta, ovviamente.

Detto questo, a volte la separazione è davvero la migliore soluzione per una famiglia, un cambiamento che porta a ritrovare EQUILIBRIO e SERENITA’ per tutti i membri, prima di tutto per i due ex coniugi e di riflesso per i loro figli.

E’ in ogni caso una scelta che va valutata e ponderata con mille attenzioni, facendosi anche aiutare da psicologi o mediatori. E una volta presa questa strada, ricordatevi che un uomo e una donna possono smettere di essere marito e moglie ma saranno per sempre PAPA’ E MAMMA e come genitori dovranno sempre relazionarsi in vista del figlio.

“Lasciatevi MA NON LASCIATELI”.

Di fronte ad una separazione, la mamma e il papà hanno una fantastica occasione: GODERSI IL PROPRIO FIGLIO, come non lo avrebbero fatto prima.

Ci sono genitori super focalizzati sulle loro vite da non riuscire a vedere (e quindi a rispondere) ai BISOGNI dei figli (come il desiderio di giovare, di condividersi, di sperimentarsi). Alcuni genitori, quando arrivano a casa da lavoro, nemmeno li guardano i figli: sistemare casa, preparare il cibo, guardare la televisione, rimanere al cellulare, leggere il giornale, parlare con gli altri adulti… e il bambino? Dove è il loro figlio? Spesso li segue nei loro impegni. Spesso viene “parcheggiato” da amici, nonni o in attività varie.

Ecco che la separazione può presentarsi come l’occasione per IMPARARE A STARE CON IL PROPRIO FIGLIO in una maniera nuova.

Vera, presente, complice, partecipe.

Quando un genitore non sta con il proprio bimbo per 3, 4, o 5 giorni alla settimana, sente che il tempo che ha da vivere con lui/lei è un tempo prezioso, fondamentale per essere e trasmettere ciò che davvero conta.

Ed è esattamente questo che, come genitori, è importante cominciare a fare: scoprite cosa significa l’essere papà e l’essere mamma. Nelle vostre giornate, il tempo nobile che avete, quello delle energie e non i rifiuti di tempo, dedicatelo a vostro bambino diventando il genitore che avreste voluto avere.

Questo è il miglior investimento che potrete fare con e per vostro figlio.

© DR.SSA ILARIA CADORIN
Psicologa n°9570 Albo Psicologi del Veneto

Metti il tuo MI PIACE alla mia pagina Facebook
Dr.ssa Ilaria Cadorin Training Autogeno

ILARIA CADORIN

Segui il mio profilo INSTAGRAM
 ilariacadorinpsicologa

ilaria cadorin
6 COSE DA IMPARARE PER ESSERE FELICI
https://www.youtube.com/watch?v=78z6nE7ltmc
Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Ilaria Cadorin

Psicologa (n° 9570 Ordine degli Psicologi del Veneto).
Consulente grafodiagnostico (diploma conseguito presso la scuola triennale Evi Crotti di Milano).
Esperta in tecniche di rilassamento, Training Autogeno Somatico e Superiore-Meditativo.
Ha conseguito il Master in Psicologia dello Sport e Mental Coaching Sportivo.
E' specializzanda presso la Scuola quadriennale in Psicoterapia Psicoanalitica dell'Infanzia e dell'Adolescenza di Bologna.
Riceve su appuntamento nel suo studio privato a Montebelluna (TV) e a Ponte della Priula (Susegana -TV). Per informazioni: cadorin.ilaria@gmail.com oppure 3464231590.

Commenti

commenti