Cosa succede se il tuo fidanzato ti chiede di scegliere tra lui e il gatto

L’amore è fatto di desideri appagati o rimossi. Tra queste due possibilità c’è il compromesso. Oggi parliamo di una storia vera in cui a una ragazza è stato chiesto di scegliere tra il fidanzato e il gatto

Sul gruppo Facebook Psiche e Benessere si dibatte di molte cose. Il post più visto degli ultimi giorni parla di una coppia che sta per andare a convivere, ma lei ha un gatto e lui non lo vuole in casa. Allora lei ha chiesto al gruppo cosa fare. Non vuole abbandonare il suo animale né rinunciare alla convivenza.

Questa è la richiesta di aiuto.

Buongiorno… io e il mio compagno stiamo per comprare casa. Ieri mi ha espressamente chiesto di abbandonare il mio gatto. 11 anni con me e la amo da impazzire. Amo anche lui ma questa richiesta mi ha paralizzato.

 

Le richieste fuori luogo in amore

Quando scegliamo di stare insieme a un’altra persona formiamo una coppia che in linea teorica dovrebbe creare una nuova entità singola. Cioé, non siamo più io e lei, siamo noi. Seppur questo non significhi annullarsi come individui, implica fare più attenzione alle emozioni altrui di quanto non sia abitudine fare normalmente.

Per il quieto vivere sociale è sufficiente evitare di fare dei torti agli altri. Nella coppia a questa norma devi aggiungere la volontà di inseguire la felicità in due.

Nel caso specifico, il progetto della convivenza è bello perché esaudisce il loro desiderio di fidanzati, ma se uno dei due fa una richiesta che distrugge la felicità dell’altro allora qualcosa che non va. Chiedere alla fidanzata di rinunciare suo gatto non è la richiesta di un compromesso per far funzionare meglio la coppia. È una richiesta personale che mette le esigenze del singolo prima di tutto il resto. Quindi è fuori luogo.

Il compromesso in amore

Il compromesso in amore è sempre positivo. Se il fidanzato in questione avesse chiesto di stabilire dei luoghi della casa ai quali il gatto può accedere e altri interdetti, sarebbe stato un genere di richiesta completamente diversa. Sarebbe stata costruttiva. Il compromesso è come chiedere una piccola modifica per il bene comune. La richiesta originale invece imponeva una modifica contro la coppia a beneficio del singolo.

 

Animali e amore

Prendersi cura di un animale domestico, anche se abbastanza autonomo come può essere un gatto, denota una certa maturità. Non per niente, i ragazzini che prendono un animale domestico senza però avercela, questa maturità, poi lo sbolognano ai genitori entro il primo anno e mezzo.

Non solo, denota anche un certo altruismo. Non possiamo più fare tutto quello che ci pare, dobbiamo sempre considerare anche l’animale.

Con questo non voglio dire che chi non possiede animali domestici sia egoista, dico solo che quella sarebbe una prova del contrario. Se poi, come in questo caso chiede di rinunciare all’animale, allora bisogna fare attenzione. Potrebbe essere il campanello di allarme di una personalità egoriferita poco attenta alle esigenze degli altri. Il primo a farne le spese sarebbe proprio il partner.

Il consiglio che vi do è questo.

Il modo in cui una persona si rapporta agli animali domesitici la dice lunga sul tipo di partner potrà essere.

 

Segui il Dottor B su LinkedIn

 

 

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Commenti

commenti