Quattro esercizi per uscire da una dipendenza affettiva

Cos’è la dipendenza affettiva?

E’ il continuo bisogno di avere sempre accanto a sè il proprio partner affidando a lui la chiave della vostra felicità, il continuo bisogno di sentirsi amati a costo di sacrificare i vostri bisogni, valori e obiettivi. Si tratta di individui che pongono nell’altro il desiderio di venire accolti mettendo in primo piano l’altro. La paura dell’abbandono spesso rappresenta l’elemento principale per cui queste persone non riescono a lasciar andare ciò che (in realtà) causa dolori e dispiaceri. Spesso per evitare che questo accada, si tende ad adottare comportamenti autolesivi quali: il rimanere con l’altro anche di fronte a tradimenti, bugie e maltrattamenti psicologici, si ha difficoltà a stare soli perchè ci si sente vuoti, persi, senza emozioni per cui vivere.

Quali sono le cause della dipendenza affettiva?

Le cause principali si possono ricercare nell’infanzia, nel primo rapporto con i genitori. Se siamo stati accolti e amati per quello che eravamo, se i genitori erano sereni e si respirava un clima amorevole, se hanno compreso i nostri bisogni primari, se durante l’adolescenza si è avuto un dialogo costruttivo con la propria famiglia, difficilmente manifesteremo questa problematica.

Quali sono le soluzioni da adottare per poterne uscire?

1. Ammettere di avere questo tipo di problema: il fatto di essere consapevoli di essere caduti in questa “trappola”, rappresenta il primo passo per potersi liberare da questo malessere.

2. Rafforzare la propria autostima: potete fare un elenco di tutte le vostre qualità e obiettivi che durante la vosta vita avete raggiunto e rileggerli quotidianamente

3. Cercare nuovi hobby, interessi che vi piacciono e che possano colmare quel vuoto affettivo che sentite e che vi impedisce di vivere serenamente. Cercare qualcosa che vi emozioni e che permetta di concentrarvi solo su quello

4. Fare nuove amicizie con persone buone, partecipare a corsi di vario genere per imparare nuove attività.

Riuscire a guardare al di là del proprio problema, è un aspetto importantissimo perchè vi permette di distogliere l’attenzione sul presente e rivolgerla al futuro immaginando, al contempo, una nuova vita e nuovi fini da raggiungere. E’ fondamentale rivolgersi ad un professionista laddove tale difficoltà risulta radicata negli anni e difficile da gestire, laddove la sofferenza è talmente tanta da causare attacchi di panico e ansia costante.

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Commenti

commenti