Dove finiscono le emozioni inespresse?

“Le emozioni inespresse non moriranno mai.

Sono sepolte vive e usciranno più avanti in un modo peggiore.”

(Sigmund Freud)

 

Quotidianamente nel mio lavoro sono a contatto con il disagio, con il non stare bene, con uno stato di malessere soggettivo più o meno marcato ed ascolto narrazioni in cui la persona per il “quieto vivere”, “per farsi accettare” o per un’ampia varietà di altri motivi reprime le proprie emozioni. Tutto questo spesso è accompagnato da disturbi fisici di varia entità e localizzazione. Per formazione ed inclinazione personale, in questi casi mi pongo immediatamente una domanda: cosa sta comunicando il corpo con quel preciso disturbo? Quando il corpo arriva a comunicare, significa che la persona non è riuscita a sentire le proprie emozioni e incanalarle in una valvola di sfogo esterna, così non trovando alcuna via d’uscita, si riversano sul corpo. Una cosa è importante ricordare: le emozioni sono energie, se non escono restano dentro di noi!

Possono comparire disturbi dapprima in modo vacuo e leggero, quasi a volerci dare il tempo di correre ai ripari, di cambiare atteggiamento prima che le cose precipitino, come nel caso di improvvisa insofferenza verso il mondo esterno, apatia, stanchezza durante la giornata; sono tutti segnali, che se non adeguatamente ascoltati e reiterati nel tempo, potrebbero trasformarsi in vere e proprie malattie che coinvolgeranno sia la mente che il corpo.  Vediamo qualche esempio:

Ipertensione arteriosa: il 95% dei casi di ipertensione è detta “ipertensione essenziale”, ad indicare l’assenza di cause organiche evidenti. Potrebbe quindi significare un’essenza bloccata, impossibilitata ad esprimersi da un eccessivo controllo verso le proprie emozioni, desideri, fantasie e progetti.

Dermatiti: spesso rivelano sentimenti di disistima, vergogna, timore di non essere accettati.

Psoriasi: connessa ad emozioni legate ad una separazione, accompagnata a volte da sensi di colpa e di vergogna.

Cefalee: eccesso di calcoli, opinioni e ragionamenti, razionalità.

Tiroide: i disturbi legati a questa ghiandola hanno a che fare con sentimenti di tristezza profonda per non essere riusciti ad esprimersi come si sarebbe voluto.

Disturbi d’ansia: tutti sono segno di una vitalità troppo a lungo trattenuta, di una natura che vuole emergere ma viene soffocata per esplodere poi nei casi di attacco di panico. Nel disturbo ossessivo-compulsivo c’è invece un tentativo di gestirla, nella fobia di simbolizzarla.

Disturbi al fegato: la rabbia repressa e il risentimento vanno a colpire il fegato, mentre la rabbia collegata al senso di impotenza e frustrazione è collegata alla cistifellea.

Quando ti si presenta un paziente, se non gli chiedi come si svolge la sua vita e se non appuri se il suo Spirito è fresco e sereno e pretendi ugualmente di curare la sua malattia, sarai un cattivo medico.
Infatti, quando lo spirito è afflitto, la malattia, cacciata da una parte, si ripresenterà da un’altra.”

(Neijing Suwen)

E’ altresì importante prestare attenzione anche al percorso inverso, cioè quello dal corpo alla mente e alle emozioni. È infatti ampiamente dimostrato come un intestino infiammato crei sensazioni di insofferenza e ansietà diffuse, che una respirazione bloccata dal diaframma contratto o dai polmoni in stato di sofferenza crei uno stato mentale di insoddisfazione e scarsa autostima.

Cosa puoi fare?

Ai miei pazienti pongo spesso il paragone del proprio corpo con l’automobile: se mentre guidiamo sentiamo un rumore anomalo provenire proprio dalla nostra autovettura, ed anzichè cercare di capirne l’origine, alziamo il volume della radio, o peggio, non arriviamo nemmeno a sentirlo perchè il volume è sempre altissimo, alla lunga è probabile che resteremo a piedi! Allora sarà troppo tardi per chiedersi: cos’è successo?

Quello che puoi fare è quindi lasciar fluire tutte le emozioni! Qualsiasi sia il disturbo in questione, è fondamentale prevenirne l’insorgenza dando maggiore attenzione a quei segnali corporei che il fisico tenta, troppo spesso invano, di mandarci. Percepiamo dentro di noi una tensione? Un’insoddisfazione cronica? Cerchiamo di leggerlo, di capirne la fonte: quale parte di noi sta cercando di venire a galla? Cosa stiamo sacrificando?, e soprattutto: Cosa comporta avere questo disturbo nella mia vita? Proprio dalle risposte a quest’ultima domanda è possibile comprenderne il messaggio.

“Guai a quel medico che cura il corpo senza aver curato la mente, giacché da essa tutto discende.”

(Socrate)

 

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Commenti

commenti