ANORESSIA E BULIMIA: COME USCIRNE

Riguardo ai Disturbi alimentari (DCA), si può darne un’altra lettura che vada al di là di una diagnosi descrittiva (sintomi e comportamenti), per leggere il Funzionamento della persona e orientare l’intervento? Tanto da non doverla identificare solo con la sua sintomatologia?

La Psicologia Funzionale ci aiuta a comprendere quali Esperienze di Base sono alterate nei DCA e permette di intervenire con un Progetto Terapeutico mirato al recupero dei Funzionamenti di Fondo specifici che sottendono i comportamenti e il benessere complessivo della persona.

 anoressia e bulimia

Concentriamo il focus su due principali Disturbi alimentari (Anoressia e Bulimia) per dare ragione di questa “sfida”.

L’anoressia ha incidenza prevalentemente in persone di sesso femminile, istruite, economicamente avvantaggiate e radicate nella cultura occidentale.

L’età di insorgenza è tipicamente quella adolescenziale (15-22 anni). Ne soffre circa l’1% della popolazione a rischio (sesso ed età).

E’ una patologia in preoccupante aumento anche tra i maschi e tra le persone in età avanzata, in cui un ruolo deleterio è ricoperto anche dei modelli socio-culturali (che agiscono su personalità fragili e insicure).

Il contesto familiare è caratterizzato da:

- madre (o genitori) forte, invadente e controllante; padre più debole e meno presente;

- minacce all’autostima (critiche, forti aspettative, incapacità genitoriale di vedere e valorizzare i figli e di sostenerli nelle loro risorse);

- poca Empatia;

- relazioni invischiate: Amore alterato, spesso manipolato e manipolativo.

Le caratteristiche di chi soffre di anoressia possono essere:

  • controllo del cibo e del corpo, con il quale la persona tenta di Opporsi e affermare la propria Autonomia in un modo non diretto (disfunzionale) e apparentemente accettato socialmente.

  • C’è una capacità di resistere (alla fame, alla stanchezza, al sonno ecc.) e di essere “dure/i”;

  • la Forza è fittizia: non c’è possibilità e volontà di dare spazio alla Fragilità (se non nell’aspetto fisico);

  • nel controllo dello stimolo della fame, viene meno la capacità di Sentirsi nei propri bisogni.

  • la Percezione del proprio corpo e peso è estremamente alterata;

  • l’Allentamento che deriva dalla sazietà è avvertito come pericoloso e angosciante: Cedere e Crollare non sono ammessi;

  • non c’è spazio per il Benessere, in un corpo così anestetizzato a martoriato.

 

Il lavoro terapeutico si rivolge al riaprire gradualmente Sensazioni e Percezioni molto chiuse, procedendo per gradi, perchè può essere molto allarmante; Contenere e Nutrire su tutti i versanti (non solo “cibo”); Allentare l’ipercontrollo facendo percepire che non è un “crollare”; Accompagnare a sè, ai propri bisogni e al proprio valore e alla propria e piena Affermazione di sè; riaprire alla possibilità di Tenerezza, soprattutto per sè e far sperimentare l’Amore pulito, non manipolato, diretto, incondizionato.

La bulimia ha una prevalenza femminile, con insorgenza più tardiva rispetto all’Anoressia (spesso c’è prima un passato di Anoressia).

La persona bulimica:

  • cerca di affermare la propria Autonomia attraverso il controllo del cibo e del peso maCROLLA, NON RESISTE, FALLISCE;

  • è una persona arresa, che porta un grande senso di colpa e di sconfitta;

  • è caratterizzata da un vuoto d’Amore che cerca di riempire;

  • lotta contro le abbuffate con metodi compensatori (vomito, lassativi, diuretici) che non sono autopunitivi ma rimedi contro una Trasgressione negativa che provoca vergogna e colpa;

  • può essere accampagnata dal vissuto di NON FARCELA nella vita: sono carenti la Forza, la Progettualità e lo Slancio vitale.

Il lavoro terapeutico prevede la possibilità di sperimentare:

  • di Essere Tenuti/protetti, per non sentire l’invasione ma il Contenimento buono;

  • di Nutrirsi di cose buone (non di veleno), diventando poi la possibilità di Darsi cose buone;

  • e recuperare le Sensazioni relative ai propri bisogni, a fame, sazietà, pieno e vuoto;

  • e ricostruire la sensazione di Farcela;

  • un’Oppositività più aperta e diretta;

  • e recuperare un buon Funzionamento del Controllo e poter sperimentare delle buone e piacevoli Trasgressioni;

  • e recuperare lo Slancio vitale, l’Energia, il Lanciarsi nella vita;

  • la Progettualità, con una nuova Forza e sensazione di potercela fare, recuperare desideri e progetti di vita, spesso sospesi nell’impossibilità di perseguirli;

  • e recuperare sensazioni di Benessere in un corpo così a lungo anestetizzato e martoriato.

 

Dott.ssa Chiara Batistini

 

Articolo originariamente pubblicato su: Cum-Tactum: Studio Clinico di psicologia funzionale

Pagina Facebook: Cum-Tactum

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulle mie pagine di facebook “Psicologia“ e "Psiche e Sogno", oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze o avere il parere di uno psicologo o psicoterapeuta? Iscriviti al gruppo di Psiche “Psiche e benessere
 

Psiche.org

Psicologia in punta di penna

Latest posts by Psiche.org (see all)

Commenti

commenti