Un amore per tutta la vita: la resilienzia di coppia

In un panorama in cui le coppie sembrino sgretolarsi a vista d’occhio, in cui il sentimento lentamente appassisce, esistono ancora quelle unioni in cui l’amore sembri rimanere intatto nel tempo. Anzi, queste coppie che suscitano ammirazione (e invidia) sono in grado di rinnovare continuamente il proprio amore, di migliorarsi e di rimanere unite nonostante i passi falsi e le difficoltà che la vita di tutti i giorni ci pone di fronte.

Come mai, queste coppie coese e affiatate, risultino essere “l’eccezione”? Eppure, entrambi i partner all’inizio della relazione vorrebbero che quella persona fosse “quella giusta”, quella del “per sempre” che si vede nei film e si legge nei romanzi. Malgrado l’impegno dei partner, gli amori finiscono. E tutti, nella propria vita, si sono ritrovati direttamente a conoscenza di questo fenomeno, che sia stato in prima persona, di un famigliare o di un caro amico. Come mai?
Per rispondere a questa domanda risulta più facile invertirla, in quanto risulta più efficace ispirarsi a quelle coppie solide e inossidabili che hanno molto da insegnare su come gestire una relazione e  su come mantenere l’amore vivo e ricco di soddisfazioni.

Qual è il segreto delle coppie che durano per tutta la vita?

Premettendo che non esiste un modello generale e immutabile di amore duraturo e sempre emozionante, possiamo comunque affermare che le coppie longeve sono accomunate dalla capacità di far fronte alle trasformazioni del rispettivo partner e agli eventi critici che, inevitabilmente, modificano e s’impongono sulla vita di uno o di entrambi. Gli eventi critici possono essere sia negativi (difficoltà a trovare stabilità lavorativa, la morte di una persona cara, la ricerca estenuante di una casa) sia positivi (il successo nello studio, una promozione, sposarsi e mettere su famiglia). Questo perché ogni sollecitazione emotiva può innescare risposte disgreganti. Ogni sistema psicologico, infatti, resiste al cambiamento e fatica ad adattarsi a condizioni nuove una volta che ha stabilito una qualche forma di equilibrio. Così la coppia stabile e soddisfacente è caratterizzata da una qualità che la distingue dalle altre: la resilienza di coppia.

Cos’è la “resilienza di coppia”?

La resilienza di coppia è definibile come la competenza condivisa di reagire ai cambiamenti con flessibilità e dinamismo, mentre la resilienza dell’individuo è la capacità personale di superare e trarre forza da circostanze avverse o stressanti.
La resilienza di coppia è il frutto di una combinazione, differente da caso a caso, tra i partner: si tratta cioè di una qualità emergente dalla coppia, qualcosa che i singoli potrebbero non possedere, ma che deriva dal particolare modo in cui interagiscono all’interno della relazione. Può succedere anche che, individui scarsamente resilienti possano diventare molto resistenti e positivamente reattivi tramite l’esperienza di coppia o, viceversa, che soggetti molto resilienti diventino estremamente fragili all’interno di una relazione d’amore.

Caratteristiche delle coppie durevoli e soddisfatte

  1. Condivisione dei valori > (in genere implicita). I partner sono concordi su quali priorità assegnare a tutte le sfaccettature di una relazione (soldi, lavoro, famiglia, amicizie, intimità) e si dimostrano reciprocamente disponibili ad accettare le differenze di vedute senza trasformarle in motivi di discussione. Di rado, per esempio, le coppie resilienti formulano regole che limitino la libertà individuale dei partner circa le amicizie da frequentare. Al contrario, un classico delle coppie che presto o tardi scoppiano, è la costruzione di vincoli e di norme che servirebbero a tutelare il rapporto da tradimenti e a evitare lo stress della gelosia.
  2. Libertà e affermazione personale > la coppia resiliente si concede ampio spazio di libertà, stimolando e dando sostegno allo sviluppo personale del proprio partner, in maniera continua e reciproca, e alla valorizzazione delle differenze di ciascuno.
  3. Indipendenza famigliare > un altro aspetto riguarda il  basso invischiamento con la famiglia d’origine, ciò significa che le coppie resilienti formano una propria famiglia indipendente, limitando le interferenze dei genitori e dei parenti, pur sempre considerandoli come parte integrante e importante del nucleo famigliare. Nella coppia, i partner si sentono indipendenti e realizzati, anche singolarmente. In questo modo, l’amore tra i due risulta essere forte, veritiero e in grado di dare ancora più valore e importanza al legame, poiché “io da solo sono, ma insieme a te sono di più”.
  4. Intimità e passionalità > le coppie resilienti migliorano la propria vita sessuale con il tempo e sono in grado di trovare spazio per viversi la propria intimità. Passione è la parola-chiave, si tratta di un ingrediente necessario (anche se non sufficiente) della resilienza di coppia, unendo desiderio, sensazione di bellezza, feeling che continua nonostante le crisi e gli anni che passano.

La resilienza è il risultato di un impegno autentico e continuativo nella relazione, sempre nel rispetto reciproco e nella consapevolezza che lo stare insieme è una scelta da rinnovare ogni giorno e che l’amore va alimentato con perseveranza e passione, altrimenti sfuma in grigiore e insoddisfazione.

“Un matrimonio di successo richiede di innamorarsi molte volte, sempre con la stessa persona.”
(Mignon McLaughlin)

 

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 

Commenti

commenti