4 motivi del malessere al supermercato

 

 

Tutti noi più di una volta alla settimana entriamo in un supermercato.

Molte persone amano questi luoghi di acquisto.

Molte altre, appena entrate, iniziano ad avere uno strano senso di malessere, difficilmente descrivibile perché è apparentemente privo di cause.

Di cause in realtà ce ne sono forse troppe.

Non è un attacco di panico, neppure uno stato ansioso.

Ha qualcosa di simile a una sorta di malessere esistenziale.

Se ti riconosci in questa categoria di persone continuerai a frequentare i supermercati come hai sempre fatto, con la stessa frequenza – forse – lo farai con una consapevolezza nuova.

Malessere al supermercato: 4 motivi

 

#1 Se sei una persona che rispetta l’ambiente, sai bene che ogni tua azione lo modifica, i supermercati per questo li percepisci come luoghi di sofferenza.

Fra la frutta trovi mango e papaya, che sono buonissimi, ma hanno viaggiato in aereo.

Anche una manciata di noci è venduta nella plastica.

La tua ansia ha un senso.

#2 Fretta, troppe luci, troppo rumore, troppi colori, troppe persone: ti tolgono l’aria.

Un supermercato è un buco spazio temporale che ti proietta in un luogo anomalo, aggressivo, dove la sovra-stimolazione sensoriale porta il tuo cervello a dover elaborare troppi input.

Perché scegliere tra 14 tipi di pasta integrale è chiaramente un compito privo di senso.

Quindi prendi un pacco di pasta integrale a caso.

Chiedendoti quanta plastica stai acquistando, sperando che non vada a finire nello stomaco di una tartaruga.

Sei dominato da un diffuso senso di impotenza.

#3 Entri troppo e all’improvviso nelle vite degli altri osservando i loro carrelli, pieni o vuoti fa poca differenza.

Se sei una persona riservata, se di solito fai di tutto per non curiosare nei fatti degli altri, se sei iper-sensibile, la spesa al supermercato è un’esperienza che in qualche modo ti turba sempre.

#4 Osservare gli anziani o le persone fragili al supermercato ti ricorda che tra gli effetti del capitalismo c’è anche l’inaridimento delle relazioni sociali e la solitudine.

Se anche tu provi questo malessere al supermercato:

– non andare mai a fare la spesa da solo, perché in compagnia tutto è più gestibile;

– inizia a frequentare il migliore mercato che puoi trovare vicino a casa tua, perché nei mercati almeno ci si parla e il dialogo rende tutto più umano.

http://www.spazidicostruzione.it

Gaia Berio – psicologa psicoterapeuta ipnologa

Hai bisogno di aiuto?

 

 

 

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulla pagina facebook “Psicologia“ , oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze ? Iscriviti al gruppo “Psiche e benessere
Se invece stai attraversando un periodo difficile e desideri parlare con uno psicoterapeuta contatta il nostro servizio di consulenza online
 
seguimi

Gaia Berio

Sono psicologa e psicoterapeuta. Da un anno mi occupo della consulenza psicologica a distanza per psiche.org. Lavoro molto con le coppie e uso l'ipnosi nella psicoterapia individuale.
seguimi

Commenti

commenti