12 segnali che non è solo amicizia, è infedeltà emotiva

Una relazione senza sesso può essere intensa quanto una relazione amorosa dove il sesso si pratica attivamente, a volte anche di più. Shirley Glass, autrice di Non solo amici: ricostruire la fiducia e recuperare il rapporto dopo l’infedeltà, commenta come non sorprendente il dato secondo cui circa 80% degli amori platonici presto o tardi sfocia in interazioni sessuali

Mantenere una certa indipendenza dal proprio partner e avere degli amici non condivisi è un’atteggiamento sanissimo all’interno di una relazione. Tuttavia può capitare che il rapporto di amicizia vada oltre. In questo caso possiamo parlare di infedeltà emotiva.
È molto importante per il rapporto discernere i casi di pura amicizia da quelli di infedeltà emotiva, per contenere il rischio di tradimento e salvaguardare il legame.
Ecco 12 segnali che secondo Shirley Glass sono utili per capire quando non si tratta di normale amicizia.
infedeltà emotiva cover

 

1. Pensare e dire “siamo solo amici” con qualcuno.

Quando pensi o esclami “siamo solo amici”, pensaci di nuovo. Se lo stai dicendo di un membro del sesso opposto, quanto affermi potrebbe non corrispondere a verità.

L’amicizia è una cosa normale, il fatto che tu debba comunicare a te stesso o agli altri che il tuo rapporto con qualcuno sia di natura amicale e non d’altro genere può essere un tentativo di negare il tuo coinvolgimento.

2. Trattare l’amico come un confidente condividendo con lui dettagli molto personali. 

Condividere pensieri, preoccupazioni, speranze, paure, passioni e problemi è l’essenza dell’intimità; questa condivisione stabilisce dei confini emozionali tra due persone che vivono una relazione di amorosa. Aprire questi confini a un amico significa portare qualcosa di importante ed esclusivo fuori dal rapporto, riducendo la forza del legame amoroso.

3. Discutere aspetti problematici del tuo rapporto sentimentale. 

Raccontare a una persona del sesso opposto che qualcosa nel tuo rapporto sentimentale non va, è normalmente interpretato come un segnale di disponibilità. Questo comportamento può generare nel tuo amico la necessità di sondare fino a dove si spinge la tua disponibilità. I problemi di coppia andrebbero prima di tutto discussi con il proprio partner, il confidente è sempre un ruolo molto ambiguo.

4. Fare confronti tra il tuo amico e il tuo partner. 

Un’altro importante segnale di pericolo è confrontare il tuo partner con il tuo amico. Anche quando il paragone rimane nella tua testa e non viene esplicitato, significa che l’infedeltà emotiva sta iniziando. Pensi a come sarebbe diversa la tua vita se il tuo partner avesse una o più caratteristiche del tuo amico, quindi elevi il tuo amico a possibile partner.

5. Pensare ossessivamente all’amico.

Più un pensiero trova spazio nella testa e maggiore è la sua importanza. Quando un amico gode di molta attenzione tra i tuoi pensieri, significa che vorresti proiettare quei pensieri nella realtà, per trasformare la tensione dell’immaginazione in qualcosa di reale.

6. Credere che questa persona ti capisca come nessun altra.

Di solito è così che iniziano le storie d’amore. Quando il potere della piena comprensione di te stesso viene delegato a qualcuno, quella persona diventa speciale. In caso di bisogno puoi rivolgerti a lui. Se questa persona non è il tuo partner il tuo legame è a rischio.

7. Passare meno tempo con il partner per poter vedere l’amico.

Il tempo a nostra disposizione è limitato. Dobbiamo dividere le ore della giornata tra dovere e tempo libero. Se il rapporto con l’amico diventa il momento più piacevole del tuo tempo libero, automaticamente i minuti che trascorri con il partner vengono declassati a dovere.

8. Mantenere la tua amicizia segreta.

Omettere qualcosa è spesso un indizio di colpevolezza. Solo nel caso il rapporto con l’amico sia di natura ambigua nascerà l’esigenza di celarlo al tuo partner. Stessa cosa quando ti limiti a omettere solo dei dettagli della tua interazione con l’amico.

9. Stilare una lista di ragioni per giustificare il tuo comportamento. 

Ci sono cose che facciamo e basta. Altre per cui dobbiamo ponderare a priori attentamente i pro e i contro. Altre ancora che a posteriori cerchiamo di giustificare. Escluse le cose che facciamo e basta, senza spendere nemmeno un pensiero, tutte le altre sottintendono il dubbio. Se vedere il tuo amico rientra tra quelle, è facile che si tratti di infedeltà emotiva.

10. Fantasticare sessualmente sull’amico. 

L’intimità crescente con una persona del sesso opposto, sfocia quasi sempre in attrazione fisica. È una cosa del tutto normale. Quando il cervello viene appagato intellettualmente, il fisico sperimenta una sensazione di benessere. Confuso, il fisico può cercare altre forme di appagamento da parte dell’amico, compresa quella sessuale.

11. Dare o ricevere regali personali dall’amico.

Un’altra spunta nella checklist dei segnali dell’infedeltà emotiva sono i regali. Quando un regalo è qualcosa di molto personale implica un elevato grado di intimità tra chi lo dona e chi lo riceve.

12. Pianificare di passare del tempo insieme da soli o lasciare che questo accada.

La differenza tra agire attivamente per fare accadere qualcosa o non fare niente per evitarla è praticamente nullo. Il bisogno di passare del tempo solo con l’amico è un sintomo che l’amicizia sta diventando qualcosa di più, perché altrimenti sarebbe sufficiente vedere l’amico in compagnia di altri amici, o del proprio partner. Due persone del sesso opposto quando desiderano frequentarsi escludendo la presenza di qualcun altro sono probabilmente più attratte dalla loro intimità che dal rapporto amicale.

Share Button
 
Se ti è piaciuto questo articolo e vuoi essere aggiornato su argomenti che esplorano la crescita personale ed emotiva, puoi seguirmi sulle mie pagine di facebook “Psicologia“ e "Psiche - ψυχή", oppure aggiungermi su Facebook per sottopormi le tue curiosità e i tuoi dubbi.
Vuoi commentare e condividere con noi le tue esperienze o avere il parere di uno psicologo o psicoterapeuta? Iscriviti al gruppo di Psiche “Psiche e benessere
 

Francesco Boz

Le cose vanno bene - rispondiamo sorridendo per rassicurare noi stessi

Commenti

commenti